Pensiamo alla famiglia. Ma davvero.

Naturalmente infertile

Naturalmente infertile

dalla Redazione

In questi ultimi trenta anni abbiamo vissuto in una società occidentale governata da un pensiero egemone di destra. L’individuo, il desiderio narcisistico senza limiti, l’eliminazione delle tasse e della burocrazia, la vittoria a tutti i costi, il correre, correre, correre.
L’eliminazione del tempo libero. L’eliminazione della sfera comunitaria, affettiva, famigliare. L’eliminazione del tempo lento e denso dell’educazione, del dialogo, della comprensione.
La destra, si dice, è “Dio, Patria e Famiglia”. Questi tre totem sono stati infangati e vilipesi da legislazioni oscurantiste che hanno privato le famiglie dei contributi statali, che le hanno indebitate, che hanno impedito una genitorialità responsabile e consapevole. E l’hanno chiamata “bioetica”.
La Scienza è amica della famiglia, dell’umanità. La Scienza permette di avere una famiglia a chi è infertile.
E tutta la legislazione della destra su questioni biologiche cerca soltanto di bloccarne le possibilità di eliminare il dolore, e di dare speranza.
Per questo noi vogliamo parlare di un libro. Un libro bello e delicato. “Naturalmente infertile“, di Stefania Tosca e Lucia Musto. Perchè il diritto di scelta è la natura dell’essere umano.

Un libro di racconti, di storie autentiche di vita. Di vita di un figlio voluto, desiderato, ottenuto.
Racconti di vita che passano per l’esperienza della Procreazione medicalmente assistita, per l’adozione e per tutti quei sentieri impervi sperimentati dalle famiglie che faticano a diventare tali.

Si leggono d’un fiato i racconti di questo libro. Sono pagine commoventi perché vere; belle perché dirette. Vanno al cuore per la sincerità con cui le scrittrici svelano i loro drammi, se pure dietro la maschera dei nickname assunti sul Forum di Strada per un sogno. Le testimonianze di questo libro sono ossigeno puro contro l’asfissia di una realtà costellata da rabbia e delusioni. Ma, ed è questo il loro aspetto migliore, vanno oltre lo sfogo di un gruppo di sognatrici. Pongono con forza il dramma dell’infertilità a chi ne sta fuori, e dunque non lo conosce, né se ne cura. Stefania, Luisa, Matilde (Fondatrici di Strada per un sogno ONLUS) e le altre donne che hanno trovato nel Forum Strada per un sogno un importante punto di comunione, costringono chi non conosce il problema ad aprire gli occhi, a schierarsi, a offrire sostegno e comprensione. Per spezzare attraverso un’affettuosa condivisione l’insensato isolamento dettato da vergogna, umiliazione, rabbia
(Nicoletta Sipos, autrice di “Perché io no?“)

E invitiamo alla sua presentazione di Roma, il 24 maggio alle ore 17,30 presso il Caffè letterario di Via Ostiense 95.

Saranno presenti le fondatrici dell’associazione “Strada per un sogno
” Onlus alla quale vengono devoluti i proventi della vendita del volume, Eleonora Mazzoni, attrice e scrittrice, autrice del libro Le difettose. Interverrà anche l’avvocato Maria Paola Costantini, protagonista del recente vittorioso ricorso alla Consulta in materia di fecondazione eterologa prima vietato dalla legge 40.

All’inizio del 2013 e’ nata “Strada per un sogno” ONLUS, dedicata ad un’attivita’ di supporto ed informazione sui percorsi possibili per diventare genitori. Fecondazione assistita, adozione ed affido e anche aiuto per una gravidanza naturale.
Ogni persona ha il diritto di diventare genitore, se lo desidera, e di perseguire questo suo desiderio avvalendosi delle possibilità che la moderna scienza gli fornisce. Questa è una giusta filosofia che condividiamo.
Sosteniamo e difendiamo il diritto di ciascuno di accedere alle tecniche di procreazione assistita e di scegliere il percorso che più ritiene idoneo.

Questo progetto sostiene la libertà e la famiglia. Ecco perchè lo sosteniamo. Per la famiglia. Quella reale.

E’ possibile acquistare il volume online
http://www.graphe.it/scheda-libro/stefania-tosca-luisa-musto/naturalmente-infertile-9788897010593-158430.html

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Pensiamo alla famiglia. Ma davvero.

  1. Bellissimo, struggente, delicato… queste donne che possono essere la vicina di casa o la collega di lavoro possono essere chiunque nelle nostre vite senza che noi verremmo a saperlo mai. Ho letto le loro storie come fossero la mia… x loro ho pianto e sofferto fino all ultima pagina. Lo consiglio…sopratutto a coloro i quali criticano da sempre la pma.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...