L’arca di Gaza. Una storia vera.

gazaark

di Vincenzo SODDU

In una guerra dove a essere colpita è soprattutto la popolazione civile, è fondamentale il ruolo delle Associazioni umanitarie.

Tante sono, nel caso di Gaza, le sigle che hanno sentito il bisogno di intervenire direttamente, con la loro presenza fisica, in un conflitto caratterizzato proprio dall’assenza dei Governi.

L’icona per eccellenza in questo campo è stato sicuramente Vittorio Arrigoni, vero e proprio Che moderno, che nel 2003 entrò a far parte dell’Organizzazione non Governativa International Solidarity Movement, e che nell’Agosto e nel Dicembre 2008 riuscì per ben due volte a superare la forza dei blocchi israeliani, sbarcando a Gaza e costituendo una spina nel fianco dell’informazione filo-sionista. Da allora si è iniziato a comprendere il significato del superamento del blocco marittimo, che Israele aveva imposto agli abitanti della Striscia, fuorviando i termini stabiliti dagli accordi di Oslo, soltanto allo scopo di incidere sull’economia e sullo stesso morale dei cittadini palestinesi.

Dopo le imprese di Arrigoni, la Freedom Flotilla aveva tentato anch’essa per ben due volte di forzare il blocco, e dopo la tragedia della Mavi Marmara aveva portato l’Estelle, nel 2012, prima della confisca e dell’arresto del suo equipaggio, a incontrare migliaia di persone in numerosi porti europei. Ecco, in ogni porto, Estelle ha in qualche modo rotto l’assedio.

Ha raccolto solidarietà, ha attivato le persone sul territorio, ha violato un insopportabile embargo, quello della privazione della libertà da parte di una nazione nei confronti di un’altra.

La notte del 10 luglio scorso, nell’ambito dell’Operazione militare Barriera protettiva, la Marina israeliana ha bombardato il porto di Gaza City. E un altro sogno si è infranto, il più grande. Quello di far salpare un’imbarcazione che nelle intenzioni degli organizzatori avrebbe dovuto, per la prima volta dal 1967, rompere il blocco di Gaza dall’interno e consegnare prodotti palestinesi via mare a chi li aveva ordinati. Grazie ai contributi raccolti negli ultimi mesi, era stato acquistato un vecchio peschereccio che recentemente, in virtù del duro lavoro di palestinesi e volontari internazionali, era stato trasformato nell’Arca di Gaza.

L’Arca di Gaza, progetto internazionale e palestinese della campagna Freedom Flotilla, sarebbe dovuta partire a settembre con a bordo prodotti tipici gazawi, ma ad aprile un incendio scoppiato durante la notte ne impedì la partenza. Pochi giorni prima era stata attivata una petizione internazionale diretta ai governi di tutto il mondo e alla segreteria generale delle Nazioni Unite perché garantissero il passaggio sicuro della nave e perché facessero pressioni su Israele affinché ponesse fine alle restrizioni al movimento della popolazione di Gaza e rispettasse le acque territoriali della Striscia. La nave fu rimessa in sesto, con l’obiettivo, appunto, di salpare il prossimo settembre.

Ma cinque giorni fa un missile israeliano ha posto fine anche a questo sogno.

L’Arca di Gaza rappresentava la nuova sfida lanciata dal popolo di Gaza, sostenuto dalla coalizione internazionale della Freedom Flotilla, movimento dal basso fatto di campagne e iniziative promosse in tutto il globo. Obiettivo, spezzare l’embargo ricreando quella rete commerciale che nel secolo scorso aveva fatto del porto di Gaza uno dei centri del Mediterraneo. Il progetto era, anzi, è ancora basato sullo slogan “commercio e non aiuti”.

È questo il lavoro che stava dietro l’Arca di Gaza: non solo rompere l’assedio israeliano, ma ribadire il diritto del popolo di Gaza al commercio con l’esterno, il diritto degli artigiani della Striscia a esportare fuori i propri prodotti, prodotti di associazioni di donne, di disabili, di non vedenti: si era posta un’attenzione particolare al lavoro femminile e giovanile, come nel caso della Abbassan Cooperative for Medicinal Herbs, cooperativa di 67 donne del villaggio di Abbassan che avrebbe dovuto esportare spezie. O della Aftaluna Elsom, associazione di 70 non udenti, presente a bordo con sottobicchieri decorati a mano.

L’attacco all’Arca amareggia ma non scoraggia. Il futuro sarà fatto di lotta e di resistenza. E gli abitanti di Gaza stanno già pensando a come recuperare l’Arca e insieme a essa il progetto di speranza e dignità che essa contiene.

E’ la realtà delle associazioni, che, uniche, riescono a portare il loro aiuto diretto alle popolazioni colpite.

E nel silenzio assordante della politica italiana, capace soltanto di virili quanto interessati abbracci a Netanyahu, quella dei cooperanti, coraggiosi idealisti in un mondo dove anche il coraggio è etichettato come utopia, è l’unica speranza che ci avvicina a un ideale di solidarietà che è sempre più lontano dalla nostra cultura.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;L’arca di Gaza. Una storia vera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...