Dove inizia la Pace

pnl-educazione-figli

 

di Monica NOBILE

Sono stanca di sentire per la strada, al bar, in ogni dove discorsi chiusi e beceri, battutacce, lagne, offese verso altri cittadini colpevoli soltanto di appartenere a diversi paesi, culture e razze.
Sono stanca, proprio stanca delle intolleranze e dei vuoti discorsi pseudo-politici che addossano colpe a chi colpa non ha. Ho ritirato fuori una lettera, scritta per gli amici dell’associazione genitori si diventa.
La pubblico dedicandola a tutti i genitori che hanno la voglia e la pazienza di accompagnare i propri figli lungo la strada verso la cultura, la pace e la convivenza.

Caro genitore, siamo un’Associazione di famiglie adottive che ha posto al centro della propria attività la responsabilizzazione dei genitori come premessa fondamentale per la tutela dei bambini e delle bambine.

L’esperienza dell’adozione ci ha portati a riflettere profondamente sul ruolo genitoriale, non solo in relazione all’adozione ma più in generale rispetto al compito educativo ed alle ricadute che l’agire educativo ha nella società. In questi ultimi tempi ci sentiamo preoccupati e spaventati dal moltiplicarsi di episodi di razzismo nel nostro paese.

Pensiamo che tacere, alla lunga, significhi diventare responsabili o quantomeno complici di una società violenta e intollerante.

Pensiamo che molti genitori, oggi, si stiano chiedendo con forte preoccupazione quale futuro, quale mondo, si stia prospettando ai loro figli.

Pensiamo che molti genitori stiano cercando di dare ai propri figli un’educazione basata sui valori del rispetto, dell’accoglienza, della tolleranza.

Pensiamo che molti genitori vogliano trasmettere ai propri figli l’amore e la passione per la cultura, facendoli crescere in un ambiente aperto alle idee, alle differenze, alle esperienze, senza barriere e preclusioni, senza pregiudizi.

Pensiamo che nel mondo che molti genitori vorrebbero per i loro figli ci sia posto per tutti, nel principio del rispetto e della solidarietà.

Pensiamo che molti genitori siano impegnati a far crescere i loro figli, rendendoli cittadini del mondo, persone capaci di conoscere e imparare, viaggiando in altri paesi, studiando i libri di storia, ma anche – nella propria scuola, al parco, per la strada – mantenendo la capacità di costruire amicizie, di ascoltare con sincera curiosità ciò che l’altro ha da raccontare.

Pensiamo che per molti genitori l’antirazzismo non debba restare una parola astratta, ma che al contrario, nella quotidianità, molti genitori stiano cercando di praticarlo attraverso le scelte educative rivolte ai propri figli.

Se ti riconosci in questo modo di essere genitore, ti proponiamo alcuni suggerimenti, una piccola goccia nel mare per costruire il mondo che vorremmo per i nostri figli.

Fai attenzione alle parole, alle etichette, alle barzellette o alle battute poco rispettose: i bambini imparano tutto, si sa. Il tuo modo di parlare si traduce nel modo di pensare di tuo figlio.

Trasmetti a tuo figlio la memoria, quella di un passato non lontano, quando dall’Italia si partiva per migrare in paesi poco accoglienti.

Organizzati con altri genitori e chiedi agli insegnanti di tuo figlio di attivare percorsi e laboratori sul tema della pace e della multiculturalità: molte associazioni e organizzazioni propongono con competenza progetti rivolti alle scuole.

Se in classe di tuo figlio è iscritto un bambino immigrato anziché preoccuparti che il livello della classe diventi più scadente, invitalo a pranzo e regala a tuo figlio l’esperienza di arricchimento che ogni incontro racchiude.

Non parlare sempre di cittadini “extracomunitari” per sottolinearne il disagio o la marginalità: leggi con tuo figlio fiabe e storie di altri paesi, ascoltate insieme musiche, filastrocche e ninnananne di altri paesi, partecipate alle feste multietniche, assaggia e proponi a tuo figlio altri sapori, altri odori, ricette di altre parti del mondo.

Sollecita la curiosità e la riflessione sui temi della multiculturalità: esistono molti libri di fiabe e racconti rivolti a tutte le età, anche della prima infanzia, che aiutano a farlo con i propri figli.

Se tuo figlio è grandicello (solo tu puoi stabilire quando è giunto il momento) leggi il giornale con lui e soffermati su questi temi.
Aiutalo a capire, accompagnalo a formare il proprio pensiero, libero dagli schemi e dai luoghi comuni.

 

 

(immagine dal web)

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Dove inizia la Pace

  1. Tutto bene salvo quel ‘bambini e bambine’, irritante ignoranza dell’italiano, pleonasmo manieristico con odore di untuoso ‘political correct’.
    Un ottimo modo per indisporre il lettore, che deve turarsi il naso per procedere e trovare il buono che risiede nel resto seguente.

    Mi piace

    • Capisco che siano tempi difficili, quelli che viviamo, ma insinuare un sospetto davvero sgradevole per chi scrive su questo blog, considerato che non ha nulla da difendere se non la propria onestà intellettuale e il proprio impegno politico e sociale, è quantomeno ingeneroso.

      Monica Nobile è impegnata in prima persona per migliorare la qualità della vita di moltissimi bambini e non credo necessiti di pleonasmi così come non credo abbia bisogno di rendersi untuosamente gradevole ai più, praticando il politically correct, per vendere meglio il suo prodotto.

      Inoltre, se mi permetti, fa alquanto specie tanto cinismo a fronte di un impegno attivo, consapevole e appassionato come quello dell’autrice in un ambito dove, più che l’esser cinici, servirebbe ricordarsi di essere umani.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...