Nessuna speranza di pace in Ucraina

ucraina-kiev-guerra

 

di Giuseppe MASALA

Per come la vedo io non vi è alcuna speranza di pace in Ucraina.

Se si va a vedere un po’ di dati economici e finanziari si vede che le riserve in valuta estera della banca centrale ucraina sono ridotte al lumicino, meno di 7 miliardi di dollari. La moneta locale, la Ghryvna sta letteralmente sprofondando, in un paio di giorni ha perso oltre la metà del suo già infimo valore. In questa situazione è evidente che il collasso finanziario è questione non di mesi ma di settimane. Collasso finanziario che porterebbe ad un collasso istituzionale, politico e sociale del paese.
Al vertice di Monaco per la sicurezza gli ucraini infatti si sono spinti a dire che occorrono urgentemente altri 20 miliardi di dollari per andare avanti. Ovvio che per l’Unione Europea e per gli USA l’avventura ucraina, già politicamente folle, si sta dimostrando finanziariamente insostenibile.

In questo contesto le attuali trattative non possono essere un tentativo di ricerca equa di una pace possibile, ma solo il tentativo – da un lato – di guadagnar tempo per riuscire a circoscrivere l’attuale ennesima catastrofe militare in corso e dunque il tentativo di tirar fuori dalla “sacca di Debaltsevo” i circa 8000 militari ucraini destinati a morte certa. Dall’altro lato vi è il tentativo europeo di crearsi un alibi di fronte alle proprie opinioni pubbliche sostenendo di aver cercato la pace con tutti i mezzi. Continua a leggere

Cronaca di una morte naturale

10961697_10200317331973874_181588463_n

 

Eluana Englaro 9 Febbraio 2009 – 9 Febbraio 2015


Oggi, Essere Sinistra, vuole ricordare Eluana e la sua storia attraverso le parole di Claudia Baldini, cugina della mamma di Eluana che lei stessa considerava come una sua “zia”. Lo facciamo in accordo con la stessa Claudia per rammentare a tutti che l’impegno per il riconoscimento dei diritti di un popolo, è una battaglia di civiltà prima ancora che politica ed è importantissima.
Ci stringiamo con grande abbraccio, carico di affetto e stima, a tutti i famigliari di Eluana ma in particolar modo a papà Beppino.
Ciao Eluana, sei sempre con tutti noi.

La Redazione di Essere Sinistra


 

Vorrei ricordare in breve questo anniversario che riguarda la morte di una donna nata nel 1970, due anni prima di mia figlia, e morta nel 2009 dopo 17 anni di vita vegetativa.

Era splendida Eluana, non solo in bellezza. Era bella dentro, matura, affettuosa.
Non poteva essere diversa con genitori come Saturna e Beppino. Saturna era figlia di una cugina di mia mamma.
Vivevano tutti a Urbino. Io tutte le estati ero là, insieme a Saty, più grande di me, ci dividevamo la casa della zia Tina.

Chiacchiere, confidenze, cugine insomma. Per molti anni. Poi il lavoro, le famiglie, le vite diverse, ma sempre, ogni estate, ci si trovava dalla zia Tina.
Poi anche Saturna si sposò e dopo un bel po’ di sofferenza ebbe quello splendore di nome Eluana. Luce della vita dei suoi genitori. Devo dire che ci intendevamo bene io e lei. Ero la ‘zia’ di Modena che la capiva molto, mentre quelle di Urbino anche per l’età legavano meno. Continua a leggere

Il circolo vizioso dell’antipolitica

10931116_906187156079138_8611329664202588668_n

 

Lunedì,  9 febbraio 2015

L’autunno è passato da un pezzo, ma pare che le migrazioni non siano ancora finite: almeno in Parlamento, dove un cospicuo numero di deputati e senatori viene dato in partenza dalle desolate lande dell’opposizione verso i tiepidi lidi della maggioranza.

Difficile credere ad uno slancio disinteressato, motivato dal “bene del Paese”: le tempeste degli ultimi giorni fanno piuttosto pensare che l’inverno elettorale sia vicino, col ventaccio gelido delle urne pronto a spazzare via i parlamentari più indifesi – meglio, quindi, trovarsi un riparo politico sicuro, o allontanare per quanto possibile l’arrivo della stagione fredda…

Se si aggiunge a questo spettacolo di opportunismo quello, ancor più devastante, dei tanti casi di corruzione, non stupisce che i sondaggi confermino ogni giorno la tendenza, già emersa nel 2013, al “voto di protesta” (quello al M5S) o, addirittura, al “non voto di protesta”, cioè l’astensione. Continua a leggere