E alla fine arriva Peppe

10931116_906187156079138_8611329664202588668_n

 

Mercoledì, 11 febbraio 2015

Dopo l’appello di trecento economisti di tutto il mondo; dopo la convocazione dei presìdi oggi e della piazza di sabato a Roma; dopo che persino il Pd ha indetto una Direzione straordinaria per discutere il sostegno alla Grecia (sebbene lunedì prossimo, cioè fuori tempo massimo, ma per scelta del Segretario), buon ultimo arriva Beppe Grillo con un post sul suo blog che espone il suo personale intervento a favore del governo greco:

“Atene non va lasciata sola ed occorre un forte sostegno contro il rigore berlinese, contro Draghi e contro la Ue. Occorre che i gruppi del Parlamento europeo ostili a questa unione monetaria soffocatrice concordino una mozione del Parlamento favorevole ad una conferenza europea per la ristrutturazione del debito”.

Secondo Grillo, su questa mozione dovrebbero unirsi il GUE, il M5S, UKIP, il Front National, i Verdi e il PSE. Non solo: “Syriza, M5S e Podemos” dovrebbero organizzare insieme una “conferenza delle forze che in Europa si battono per la ristrutturazione del debito” (preclusa però ai “nazisti di Alba dorata o di Jobbik, che sporcherebbero inutilmente l’iniziativa”); infine, “è necessario anche chiamare la gente in piazza a sostegno della Grecia”.

“Che ne pensano SEL, FIOM, CGIL, le minoranze PD? O anche la Lega?” conclude Grillo. Forse, a furia di restare nel recinto del suo blog, gli è sfuggito il fatto che la piazza è già stata convocata…

Confesso che il guru pentastellato mi fa persino un po’ tenerezza: ancora una volta arriva fuori tempo massimo, finendo per fare la figura della mosca cocchiera. Se i pullman per la manifestazione “La Cosa Giusta” sono già pronti e la conferenza sul debito è già stata proposta da Tsipras (non però tra i partiti favorevoli alla ristrutturazione, che nulla possono deliberare, ma tra i governi europei), l’unica idea originale è quella della mozione dell’Europarlamento; ma pensare di unire forze dichiaratamente “eurofobe” con altre che invece invocano una decisa ripresa del cammino di integrazione europea appare del tutto velleitario.

E’ un vero peccato che l’ossessione di “purezza” del M5S e la smania di vantare la “primogenitura” delle iniziative gli impedisca di condividere quelle altrui (nel suo post, Grillo rivendica che “quello che ha sempre detto il M5S su debito ed Euro è obiettivamente più vicino a Syriza di quanto non lo siano SEL e Rifondazione”: sarà, ma alle Europee sono stati questi due partiti a presentare la lista “l’Altra Europa con Tsipras”…).
Se i vertici del M5S si decidessero a riconoscere che qualcosa di buono può esserci anche “altrove”, questo sarebbe un grandissimo passo avanti: per il Movimento e per la nostra politica. Diversamente, i Cinque Stelle rischiano di restare perennemente in attesa di un post di Beppe, che spieghi che “loro ci avevano pensato prima e comunque la loro proposta è migliore”. Eh già, le loro proposte sono sempre le migliori: peccato che non sappiano mai condividerle con nessuno.

Silvia BIANCHI

 

(immagine dal web)

Annunci

Un pensiero su &Idquo;E alla fine arriva Peppe

  1. “loro ci avevano pensato prima e comunque la loro proposta è migliore”. Eh già, le loro proposte sono sempre le migliori: peccato che non sappiano mai condividerle con nessuno.”
    MI RICORDANO TANTO CERTI EX PANNELLIANI .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...