Se i morti potessero parlare…

Nell'ordine:  - La guerra in Ucraina - I migranti morti - La fa me in Grecia

Nell’ordine:
– La guerra in Ucraina
– I migranti morti
– La fa me in Grecia

 

di Ivana FABRIS

…direbbero a noi tutti che siamo egualmente colpevoli.
Lo siamo perchè ormai siamo così infarciti dalla propaganda che non ci accorgiamo che sullo scenario internazionale, su questa grande scacchiera della partita che si gioca tra il neoliberismo e l’umanità, non esistono distinzioni di sesso, razza o religione. Non ci accorgiamo che siamo tutti indifferentemente sacrificabili, che con la causa occasionale di turno, siamo tutti carne da macello per ingrassare la pancia di chi sfrutta e affama.

Nel Mediterraneo altri morti, altre vittime innocenti di un sistema di potere gestito da potenti fazioni religiose e dai signori della guerra di turno che li spinge a cercare altrove un brandello di pace e di speranza, vittime di un’Europa la cui governance al servizio della banche e della grande finanza, cassa un progetto come Mare Nostrum in cambio di Triton e il nostro Ministro Alfano, ci racconta che questo nuovo metodo di sterminio, non lo finanziano mettendo le mani nelle nostre tasche, come invece avveniva per Mare Nostrum e non c’è bugia più grande perchè quel progetto è andato avanti sottraendo fondi alla Marina Militare. E noi ci beviamo anche questa e ci laviamo pure la coscienza nascondendoci dietro la nostra crisi economica.

In Ucraina il genocidio è in atto e non da oggi, nel silenzio generale dell’Europa, così come accadde con quel raccapricciante massacro che ci fu nella ex Jugoslavia, e con l’accondiscenza tacita di un governo che potrebbe assumere una posizione e non lo fa. Tanto che importa se muoiono centinaia di civili e se ne morranno tanti altri? Mica ci riguarda, no? Putin è inviso ai più e di quelli contro cui combatte nessuno sa e nessuno fa informazione, quindi…
Inoltre loro sono lassù, nel grande freddo così lontani da noi che stiamo sempre nelle nostre calde e comode case. Per ora.

E in Grecia la fame è ovunque, la gente non ha di che curarsi se ha il cancro oppure si suicida per disperazione, i casi di bambini abbandonati nelle scuole materne perchè i genitori non hanno di che sfamarli sono stati e sono continui, i vecchi muoiono come mosche ma naturalmente qualcuno si premura di dirci che è colpa loro, che per aiutarli a rinegoziare il debito si dovrebbero sborsare altri 4 miliardi di euro che, maledizione, non ci sono (!) e ce lo dicono proprio mentre Apple viene ricapitalizzata per 700, dico, 700 miliardi di dollari.

Intanto la propaganda ottiene ascolto, gli italiani disinformati dicono che già ci siamo svenati per aiutarli dato che non sanno che quei soldi non sono andati ad uno Stato in difficoltà ma alle banche (istituti PRIVATI) che avevano un debito con la Grecia e che quel popolo non ha visto UN solo euro a sostegno della propria economia. E gli italiani ci cascano con tutte le scarpe.

Ognuno guarda il proprio orticello senza comprendere che, nell’era della globalizzazione, quello che accade al nostro vicino o a quelli nei pressi di casa nostra, riguarda anche noi, anzi, ci investe direttamente come un treno in corsa ma tutti pensano a sè dicendo che se stiamo male noi non possiamo pensare agli altri senza accorgersi che quegli altri, i prossimi, con il governo di destra esistente in Europa che pilota i destini di tutti in favore di un pugno esiguo di uomini, potremmo essere anche noi.
Anzi, è sicuro. I prossimi saremo noi.

 

 

(immagine dal web)

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...