Un progetto: scuola oggi. I percorsi della poesia.

siria02

 

di Vincenzo SODDU

Sono tempi complessi, che privilegiano il calcolo, la valutazione, la programmazione e si dice che gli studenti non amino la poesia a scuola: tranne poche eccezioni, è un fatto.

C’è una poetessa e scrittrice straordinaria, oggi, e si chiama Elena Mearini, ma è difficile da proporre, nonostante i suoi versi siano splendidi, arrivino direttamente all’animo; sulle antologie non c’è e le LIM – le lavagne attive multimediali – non sono state ancora collaudate.

Elena ha scritto un bellissimo racconto in forma di versi su: “Siria. Scatti e parole“, che quest’anno ho scelto come sfrontato libro di testo, un racconto che parla di tre bambini prigionieri di uno scantinato durante uno dei tanti bombardamenti in Siria. Amir, il fratello più grande, esce allo scoperto a cercare l’acqua, ma rimane incantato di fronte al crollo del negozio di falafel di Omar. Ricorda i loro momenti felici in quel luogo, dinanzi ai vassoi colmi di falafel, e allora decide di cercarne almeno uno, superstite, che possa fare la felicità della sorellina, incurante degli spari che gli piovono accanto…

Lo leggiamo.

E’ una poesia, e i ragazzi ne rimangono incantati, nonostante il tono triste del contesto.

Ecco, questo è un esempio di come si può fare poesia a scuola, uno dei tanti…

Chiamo Elena. Mi dice che ha pensato alla nota più alta di follia che sta dentro la guerra: la negazione della bellezza nei confronti di coloro che sono pura bellezza, i bambini. Per questo, ha voluto scrivere di loro. Per nostalgia di bellezza e quindi di umanità. Quando la guerra colpisce i bambini, l’umano scompare. E non esiste occhio che sappia ritrovarlo… forse, chissà, la parola può vedere ciò che lo sguardo non coglie… almeno, ci può provare, quando riesce a manifestarsi con verità piena.

Lo scopo di questo progetto, oltre alla conoscenza di una situazione drammatica come quella siriana, è proprio quello di avvicinare autori, solo apparentemente difficili, alla massa degli studenti.

Martina, tra tutte, coglie perfettamente questo intento.

Scrive: “ Lottare per non cedere i propri ricordi alle tenebre. Tutto racchiuso in un piccolo falafel. E il protagonista combatte fino alla morte, senza arrendersi, senza fare in modo che quella prova, che quella traccia di un passato, se così si vuol definire, gioioso, scompaia. Perché quell’insignificante falafel è importante ed è ancora più prezioso dell’acqua da riportare alla tana, dove Laila aspetta con Manù il ritorno del fratello. Lui desidera ardentemente quel falafel, lo desidera così tanto da immaginarsi il volto della sorella dinanzi al boccone di cibo. Lui vuole farla sentire felice, vuole farle sapere che quei giorni passati al negozio di Omar non sono finiti, essi continuano a vivere nei loro ricordi. Perché, alla fine, quest’ultimi sono l’unica cosa che ci rimane. E non importa quanto sia doloroso il colpo di proiettile al cuore, lui continua e non si arrende, il fatto che la morte lo stia attraendo verso di sé non ha importanza, deve raggiungere quel falafel…”

Gli altri applaudono. Io sono semplicemente felice di un piccolo successo scolastico.

E intanto la radio annuncia che la Ministra Pinotti ha dichiarato guerra alla Libia…

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Un progetto: scuola oggi. I percorsi della poesia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...