Io non so cos’è l’IS

ninive

di Vincenzo SODDU

Io non so più cosa sia l’IS.
Ne ho scritto tante volte, ma mi sono reso conto di averne sempre parlato soltanto come di una sigla.
L’IS si infiltra in Siria, l’IS schiaccia gli Sciiti in Iraq, l’IS sbarca in Libia…
Ma cos’è di preciso l’IS?
Non lo so più, lo ammetto, e non mi fido più di tanto dei commentatori internazionali, degli esperti di geopolitica, dei proclami dei Capi di Stato.
Arrivati alla mia età dovrebbe bastare la propria capacità critica.

Ecco, allora, forse so cosa non è l’IS.

L’IS non è una forza di opposizione, non è un movimento religioso, non è una formazione statale.
Poche sono le certezze: i suoi uomini (soldati? Affiliati? Fedeli?) conoscono benissimo le reti informatiche, sanno usare con estro le telecamere, hanno una solida cultura occidentale (ma rifiutano quella mediorientale che non sia quella islamica, arrivando sino a distruggere libri, monumenti, sepolcri…).
Ma cos’è. Io non lo so più.
Però, credeva di saperlo Leslie Gelb, ex presidente del Council of Foreign Relations, quando sul New York Times nel 2003 gli affidava un terzo del potenziale territorio dell’Iraq post-Saddam suddiviso ingenuamente tra Curdi, Sciiti e Sunniti, appunto.
Credeva di saperlo Joe Biden, quando tre anni dopo propose addirittura un piano di spartizione che tenesse conto di questa nascente formazione.
Credeva di saperlo la CIA, quando all’indomani della Primavera araba fornì armi all’ala pseudo moderata di Al-Nusra (che ora promette alleanza all’IS) in funzione antiAssad, salvo poi pentirsene. Ma troppo tardi.
Credevo di averlo capito anch’io, nell’ottica della formazione di una “ umma “ sunnita contro quella sciita caldeggiata con forza dagli USA e dai suoi alleati in Iraq.
O quando l’esercito del Califfato si era impegnato in una battaglia campale, poi persa contro l’enclave curda dello stesso Iraq.
Ma ieri, quando ho visto uomini barbuti, armati di martello pneumatico, prendersela contro statue e bassorilievi assiri d’incomparabile valore, distruggendoli irreparabilmente, o contro i libri della più grande biblioteca dell’Antichità, quella di Ninive, non ho più capito.
Anzi, ho capito di non aver mai capito perché si possano commettere atti simili.

E ho capito, forse, che per eliminare questi nuovi barbari tecnologici bisogna puntare sulle loro stesse risorse informatiche, mettendo il bavaglio a questa particolare regia dell’orrore.
Ho capito che bisogna porre fine alle guerre per costringerli a non trovare più giustificazioni alla loro violenza.
Ho capito, senza più ombra di dubbio, che bisogna ritrovare quella pace religiosa di settant’anni fa ed eliminare quel disaccordo tra blocchi contrapposti che non ha più nessuna ragion d’essere nel 2015.
Forse è troppo, dirà qualcuno.
E’ l’unica condizione per fermare l’orrore che vediamo in questi giorni, gli risponderò io.
Altrimenti, forse, dovremo tutti comprendere che sarà troppo tardi.

(immagine dal web)

Annunci

6 Pensieri su &Idquo;Io non so cos’è l’IS

    • Beh, meno male che alla fine ha capito che si tratta di un branco di delinquenti senza patria, senza religione, senza umanità, assetati di potere,dediti soltanto ad uccidere e schiavizzare per il piacere di farlo.

      Mi piace

      • Alex, è ovvio. Ma il piacere non basta, come non basta la sete di denaro (è risaputo che si arricchiscano con il commercio del petrolio…). Ho cercato di capire se ci fosse qualcosa di più, che porti a distruzioni così senza senso… e soprattutto ho voluto dire che in casi come questo non esista una facile spiegazione…

        Mi piace

  1. Io,invèce,ricòrdo che le guèrre dei Bush contro S.Hussein e la “singolàr tenzòne” degli Usa con Gheddàfi,proseguìta per un trentènnio,sono stati fattòri determinànti per arrivàre fìn qui; oltre all’assènza d’una “polìtica mediorentàle” europèa (cioè italiàna); Gli Stàti Unìti sòno (geograficamènte) lontàni. Noi,NO. Come se ne èsce?

    Mi piace

  2. Determinanti, Danilo, per abbattere dittatori come Saddam, Gheddafi, forse Assad, che minacciavano interessi americani, soprattutto i primi due. Ma anche, con la tipica miopia americana in Medio Oriente, a creare mostruosità come l’IS (è documentato che ne abbiano finanziato gli inizi…). In quanto all’Europa hai ragione, e la decisione di oggi del Parlamento italiano ne è un esempio illuminante…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...