La puzza

puzza

di Claudia BALDINI

Non sarà stato elegante ieri Bergoglio, ma efficace sì. Sicuramente in mezzo a tutta quella folla che ascoltava, lui ha sentito un olezzo forse non intenso, ma l’ha sentito. Quello della Camorra, della corruzione. E’ lì che ha coniato il termine “puzza” per tutti coloro che a volte nemmeno più distinguono il confine tra legale e no. Ad esempio al Sud, se è la mafia ad offrirti il lavoro, un lavoro pulito, magari, ma sempre con insito l’ obbligo di ricambiare non si sa come e quando, accettare è illegale? Sì che lo è.
Però non hai scampo. Ecco, a parer mio quella è puzza sì, ma ha l’odore della necessità, della sopravvivenza.
Quindi ad emanare la puzza che olezza di più non sarà chi ha accettato il lavoro, ma chi glielo ha offerto per includerlo in una rete criminale.
Ieri a Bologna con Libera e Don Ciotti c’era invece un profumo di violette primaverili, esaltato dal palco, confermato nella strada.
E’ passata Rosy Bindi e si sentiva forte il profumo. E’ passato Poletti e improvvisamente il profumo si è trasformato in un afrore non proprio insopportabile, ma puzzava. Sì, lo so che non è accusato di nulla dai magistrati, ma politicamente e culturalmente di molto, e la cena romana coi boss della Mafia Capitale l’ha confermato.

Se andiamo nei Palazzi dovremmo portarci una mascherina per respirare. Ed anche nella Magistratura, qualcosa non torna. E’ cosa molto strana che per il Signor Tiziano Renzi il procuratore chieda l’archiviazione, mentre i suoi soci in questo malaffare sono stati condannati. Perché archiviazione? Vada a processo anche lui se non ha nulla da temere. Puzza. Il Signor Presidente del Consiglio che due giorni prima di essere eletto Presidente della Provincia si fa assumere dalla ditta del padre per poi mettersi in aspettativa e farla pagare a noi? Puzza signor Premier.
Non parliamo di tutti coloro che maneggiano appalti.
In Italia, giardino d’Europa, sembra di vivere in una fogna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...