L’ombra nera degli stadi. L’infiltrazione dell’estrema destra nelle tifoserie calcistiche.

tifoseria

di Marcello COLASANTI

Ormai da anni siamo abituati alla massiccia politicizzazione delle tifoserie, ma il fenomeno ha assunto determinati livelli da un periodo ben preciso e la situazione attuale, soprattutto della tifoseria romanista, sta mutando nuovamente, o meglio, è entrata nella fase successiva.

Fino alla fine degli anni ’80, le tifoserie non avevano una connotazione politica cosi netta e schierata come oggi. Fatta eccezione per qualche gruppo in particolare, le varie curve avevano più che altro una “tendenza” politica che non era affatto in connessione con la tifoseria in quanto tale, ma semplicemente per un discorso prettamente territoriale in base alla collocazione di una determinata squadra, in connessione al contesto sociale che quest’ultimo ne rappresentava; quartieri e città operaie e proletarie, quartieri “bene” e borghesi, situazioni miste, ecc. (va fatta eccezione solamente per la S.S. Lazio, dove le infiltrazioni fasciste non arrivavano tanto dalla tifoseria, quanto da un organico da sempre in mano alla borghesia prima e dalle alte sfere del fascismo romano poi).

Questo a differenza di altre nazioni, come per esempio la Spagna, dove lo stadio era una delle poche situazioni in cui si riusciva a esporre il malcontento contro la dittatura franchista.

Gli inizi degli anni ’90 segnarono un periodo di svolta e di smarrimento per i vari tumulti politico-sociali, sia internazionali che nazionali, accelerando quel processo avviatosi nello scorso secolo che porterà alla condizione di post-modernismo attuale, con la caduta delle metanarrazioni che, nel bene o nel male, avevano sempre spinto le generazioni giovanili verso il riformismo e il progressismo, o comunque, in una data visione della società.

Non è questo un articolo sulla situazione filosofico-politica, ma per le persone che non ne comprendono i termini, sarà utile questa piccola descrizione sul post-modernismo dell’attivista Tony Cliff: “La teoria del rifiutare le teorie.”, oppure del sociologo David Harvey: “Il Post-modernismo sguazza, si immerge, nelle frammentate e caotiche correnti del cambiamento come se non esistesse che cambiamento”.

Partendo da questo brevissimo presupposto, molto più complesso del tutto ma necessario, si colloca l’azione dell’estrema destra all’interno degli stadi.

In questo momento di smarrimento e facendo leva su di una situazione, quella dei tifosi abituali, culturalmente e socialmente degradata (con le dovute e sacrosante eccezioni, purtroppo tali), iniziò una massiccia infiltrazione all’interno delle curve per poi passare direttamente ai vari gruppi, che affiancava all’attaccamento “alla maglia” una condotta politica, seppur limitata allo slogan e priva di qualsiasi base concreta. Si fece un largo proselitismo che si trasformò, politicamente, in militanti e voti. Ricorderemo tutti la forte presenza nelle curve anni ’90 di svastiche e croci celtiche.

Oggi, che dir si voglia, il fenomeno è cresciuto in maniera sostanziale, aiutato anche dal fatto che dal punto di vista politico determinati soggetti sono stati aiutati dalle stesse istituzioni; pensiamo a tutto il ventennale berlusconiano, dall’inattività dell’esecutivo sotto il ministero degli interni e delle forze dell’ordine, collusi molto spesso con determinati ambienti estremisti, fino, parlando dell’ambiente romano, alla precedente amministrazione comunale di Gianni Alemanno, figlio di quel tipo di politica, a cui ha dovuto rendere il suo debito.

Non è casuale l’ambiente di provenienza di Daniele “Gastone”De Santis, conosciuto dai più per l’assassinio di Ciro Esposito, (mediaticamente proposto come omicidio da tifo calcistico, ma che rivela in realtà ben altri risvolti, solamente per la sua presenza in quel contesto) ma già famigerato da chi frequenta attivamente la scena politica romana; frequentatore abituale degli ambienti fascisti di “Via Ottaviano”, candidato alle elezioni comunali sotto Alemanno con la lista d’estrema destra “Il Trifoglio” e custode dei campi sportivi vicino Tor di Quinto, occupati da anni proprio dal “Trifoglio”, fino ad arrivare al famoso derby del 2004, dove anche lui scese in campo per bloccare la partita… insomma, un individuo conosciuto sia nell’ambiente politico che dalle autorità e che poteva essere fermato prima.

Gli ambienti dell’estremismo di destra e neofascista, soprattutto nella capitale, sono da sempre coinvolti attivamente nelle attività illecite, spesso come attori principali, in altri utilizzati dai gruppi criminali e mafiosi veri e propri; parliamo del traffico d’armi, di stupefacenti, estorsioni, intimidazioni, che connettono a doppio filo mondo criminale e politica; dove non arriva il metodo politico, arriva quello illegale e viceversa.

Non bisogna andare a scavare in tempi troppo remoti, come le varie stragi di Stato della strategia della tensione degli anni ’60-’70 o le collusioni con la banda della Magliana, solo come esempi; basti pensare allo scandalo della giunta Alemanno con Mafia Capitale e l’arresto di Massimo Carminati, criminale e grande fascista. Tutto ciò, si connette prepotentemente alla scena calcistica.

Se prima c’era la connessione calcio-politica, in cui il calcio e il tifo rappresentavano la “maschera”, il “cavallo di Troia”, in cui “tifosi” facevano politica per politicizzare un ambiente; oggi siamo nella fase successiva, in cui soggetti provenienti da associazioni e partiti politici, molto spesso anche scollegati dal mondo della tifoseria, si appropriano di uno spazio dalla risonanza nazionale elevatissima (quella degli stadi) per mandare un messaggio politico dall’inizio alla fine.

Parliamo sempre di soggetti appartenenti a questo “fascio-crimine” organizzato che nella maggior parte dei casi rende ostaggio le stesse società calcistiche, costrette a pagare somme considerevoli per non subire squalifiche derivanti da un loro comportamento scorretto; non ultimi i tifosi e appassionati di calcio “puri”, che vedono il loro spazio oltraggiato.

Protagonista, soprattutto romano, di questi eventi è il partito neofascista di Casa Pound, che ha allargato prepotentemente la sua presenza all’interno della curva romanista.

Negli ultimi anni abbiamo visto l’espansione, almeno territoriale, considerevole di questo partito, (oggi vicino anche a Matteo Salvini, il nuovo mediaticamente “forzato” leader della destra, malgrado le distanti vedute nazionaliste e separatiste dei due soggetti) che nonostante la sua incostituzionalità per apologia del fascismo, i continui atti di “squadrismo” nei confronti di avversari, le minacce fisiche e di stupro che i suoi membri hanno più volte minacciato a studenti universitari avversi al loro “Blocco studentesco”, allarga la sua rete.

La soluzione sarebbe il non ignorare quel che sta accadendo, non parlare continuamente di “violenza negli stadi” o “nelle tifoserie” se questo non viene inquadrato, come in realtà è, in un frame politico e strutturato in organizzazioni politco-criminali.

Gravissimo è l’atteggiamento mediatico che tende a minimizzare il fenomeno, scollegandolo dalla politicizzazione in atto.

Purtroppo è difficile pensare a un intervento istituzionale, calcolando che la giunta comunale precedente, addirittura, regalò 11.800.000 euro ricavati dalle casse comunali per l’acquisto della sede di Casa Pound (soldi pubblici per l’acquisto di uno stabile intestato a un partito politico!).

P.S.

Se volete approfondire, leggete anche Lirio Abbate. Non a caso più volte minacciato di morte, per la serietà e la profondità delle sue inchieste giornalistiche, che hanno dimostrato la stretta connessione tra mafia, estrema destra e potere politico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...