Sinistra? Le decisioni dall’alto non funzionano

grosz-i-pilastri-della-societc3a1

Andrea BOSIO

La storia dovrebbe insegnare, ma è una maestra spesso inascoltata.

Il concilio di Firenze giunse alla ricomposizione dello scisma d’oriente e, con il decreto Laetentur coeli del 6 luglio 1439, riunificò la Chiesa d’occidente con quella d’Oriente, apparente conclusione di una separazione dettata da questioni disciplinari, politiche e teologiche.

Fu una riunificazione fallimentare, durata un ventennio: di fatto si trattava di una scelta dei vertici gerarchici, dell’episcopato, mai compresa dai fedeli.

Vent’anni dopo a Oriente – cioè in Grecia e Turchia, ciò che rimaneva dell’Impero bizantino – i fedeli ancora non percepivano ancora unità: i vescovi di allora, seguendo quel sensus fidelium oggi spesso dimenticato in area cattolica, ribadirono lo scisma, constatando la totale nullità degli accordi di Firenze. Quel concilio ecumenico è l’esempio di come una decisione presa dall’alto, non spiegata e non spiegabile al popolo e da questa non condivisa, sia destinata a fallire su tutta la linea. Oggi, infatti, lo scisma permane, nonostante i tavoli ecumenici e con non poche responsabilità dei cattolici.

L’insegnamento del concilio fiorentino del 1439 dovrebbe essere istruttivo in questa fase della costruzione di una nuova sinistra: grandi movimenti si intuiscono tra Vendola, Fassina e Civati, partiti che nascono ed esperienze che viaggiano verso la loro conclusione. Come a Firenze, anche nella sinistra italiana è tutto un lavorio di classe dirigente che non segue il suo popolo, che oggi è un vero e proprio elettorato abbandonato.

Le operazioni politiche di questi mesi stanno avvenendo senza tener conto delle basi e degli italiani (votanti): il timore è che per l’ennesima volta si stia assistendo a un’operazione dall’alto, del tutto incapace di interfacciarsi con le persone.

La classe dirigente della sinistra dovrebbe tornare a parlare un linguaggio capace di spiegare le proprie istanze agli elettori, ma ancor più dovrebbe imparare di nuovo ad ascoltare ciò che la base, i territori e le persone propongono e i problemi concreti delle loro vite che individuano.

La stagione che andrà da Settembre all’autunno sarà uno spartiacque: se le dirigenze di partito sapranno costruire una narrazione condivisa con tutta l’Italia di sinistra, ma non solo, la ricostruzione del paese potrà proseguire sulla base dell’equità sociale e delle garanzie dei diritti e della Costituzione; se, invece, si opterà per l’ennesima fusione a freddo di dirigenze, poco più che un cartello elettorale, torneremo nel campo delle esperienze fallimentari.

Il tempo è breve, dobbiamo ricordarcelo, e in questa brevità non possiamo commettere altri errori: la voce dei populismi è forte, si è anche stanziata al governo.

Mentre l’Italia giace nell’immobilismo e si accosta sempre più al liberismo dominante, la sinistra sembra riproporre schemi vecchi e non funzionali: se la classe dirigente non riesce ad escogitare nuove forme di aggregazione ed elaborazione partitica, si affidi al – pur confuso – senso di lotta che ribolle alla base.

Oppure la base si dia una nuova, più collegiale e vicina, classe dirigente.

 

(Immagine dal web)

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Sinistra? Le decisioni dall’alto non funzionano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...