Potere esecutivo, legislativo e giurisdizionale: m’impadronisco dei primi due e abbatto il terzo

aagiustizia

 

di Cosimo D. MATTEUCCI

Questo è l’obiettivo, ed ogni tentativo di farlo comprendere all’italiano medio è vano, se tu italiano medio non ti sforzi di leggere prima e di riflettere poi.

Il Governo Renzi sta semplicemente proseguendo l’opera di quelli che l’hanno preceduto: sta abbattendo una delle tre funzioni fondamentali dello stato, quella di fare giustizia.

Lo strumento è sempre lo stesso: la falce reddituale e la tua ignoranza.
Si aumentano i costi di accesso ad un servizio per dissuaderne la richiesta, e questo vale per la giustizia, come per tutti gli altri servizi pubblici, tutto deve costarti di pù affinche tu possa essere indotto a rinunciarvi.
Capisci adesso, italiano?

Naturalmente i primi a subirne le conseguenze sono come sempre le fasce più deboli della società, sono come sempre le persone più povere da ricondursi, oggi più di ieri, ad un sistema clientelare e feudale.

Questo significa che soluzione del tuo problema dovrai andarla a chiedere al feudatario del tuo territorio al signorotto o al rais mafioso della tua città, aumentando il loro potere su di te e su tutti gli altri, oppure dovrai rinunciare ai tuoi diritti, subire gli abusi e chinare il capo a loro e al Governo, ed in un caso e nell’altro a perderci sarai soltanto tu.
Capisci, italiano?

Stiamo vivendo un processo di abbattimento di tutti quei secoli di evoluzione giuridica e sociale durante i quali, per prevenirne gli abusi, si era riusciti a spezzare il potere del sovrano nelle tre pietre fondanti delle migliori esperienze repubblicane occidentali.

Abbattimento del potere giurisdizionale dello Stato e fusione monarchica del potere esecutivo e legislativo, ed è anche a questo che sono finalizzate le riforme costituzionali: e adesso italiano, capisci?

 

.

(immagine di Cosimo D. Matteucci)

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Potere esecutivo, legislativo e giurisdizionale: m’impadronisco dei primi due e abbatto il terzo

  1. Caro Cosimo, un plauso a questo tuo bel commento, scritto con la foga di chi ha capito che occorre essere più persuasivi se vogliamo salvarci da questa finta politica che ci ingloba totalmente rendendoci schiavi, infatti non basterebbe il teorema di Bernoulli per dire che la “massa” ha capito le trame del potere politico (sovranazionale) di cui il PdC ne è attuatore, dobbiamo anche convincerci che le decisioni vengono prese altrove e non nel “salotto” di casa nostra.

    Occorre un alito di vento più ampio che unito ad altro vento possa gonfiarsi sino a diventare tempesta, e in Europa ci sono molti “venti” che potrebbero unirsi, basterebbe solo la volontà di farlo senza pragmatismo, perché solo uniti si vince.
    Vi lascio due righe piene di poesia ma altrettanto piene della voglia di riscattare l’Uomo e la sua essenza di libertà.

    «Ripara, o amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito, dallo strepito degli uomini grandi e punto dagli aculei dei piccoli. Il bosco e il monte sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all’albero che tu ami, all’albero dai rami diffusi; egli pende sul mare, silenzioso, in ascolto.
    Dove finisce la solitudine, ivi incomincia il mercato; e dove incomincia il mercato, ivi incomincia lo strepito dei grandi commedianti e il ronzio delle mosche velenose.” (Nietzsche)
    Un abbraccio…

    Mi piace

  2. Devo dire Onestamente che, questo : Capisci adesso, italiano? , NON mi convince del tutto. Perciò, lo Condivido SOLO parzialmente, in quando, nella odierna situazione, creata e VOLUTA dai cosiddetti ” poteri forti “, dove regna confusione, enormi BUGIE, Insulti e tentativi autoritari, purtroppo, sono in costante aumento SOLO gli itali/IDIOTI. Sicuramente, Cosimo Matteucci, si dispiacerà per questa MIA ” strumentalizzazzione ” del suo scritto Capisci adesso, italiano?. Gli chiedo SCUSA, però, mi serve per scopi, che, mi permetto di definire UMANITARI >>> !!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...