La dittatura ai tempi del PD

dictatorship

di Mario GALLINA

Credo che il mio metro di misurazione della democrazia forse sia sbagliato, perché mi chiedo come si possa sostenere una situazione che vede il PD sostituire ben dieci membri in commissione parlamentare, in quanto non d’accordo con quello che vuole il Presidente del Consiglio, in totale disprezzo della Costituzione, e senza che nessuno dei Deputati sostituiti si sia incatenato alla Camera!

Tutto scorre normale, i dirigenti PD vanno normalmente alle comparsate in tv, come se niente fosse.
Capisco che la questione Mediterraneo “tomba della solidarietà Europea”, si è trattato di un eccidio di massa sconvolgente, mediaticamente rubi la scena, ma non può assolutamente passare inosservato un vulnus così grave alla democrazia, alle regole che governano maggioranze e minoranze, insomma al cuore del sistema che per certi versi ci faceva stare tranquilli, nel mentre ci scontriamo sulle nostre idee, perché ci era assicurato che il sistema tenesse.

Niente è più sicuro, niente può più essere dato per scontato. Ci rubano la democrazia sotto i nostri occhi e non si solleva uno straccio di opposizione percepibile dalla cittadinanza.

Continua a leggere