L’Orso e il cane

dobrynia

di Immacolata LEONE

In questa situazione, dove la minaccia terroristica del Daesh appare sempre più un Golem sfuggito di mano ai suoi creatori, e mette a nudo tutte le fragilità e le divisioni dell’Europa, che non riesce neppure a mostrarsi come una somma di stati, Vladimir Putin esce dall’angolo in cui avevano provato a isolarlo.

Gli Stati europei hanno condizioni asimmetriche. La Francia e la Gran Bretagna, potenze nucleari, che siedono nel Consiglio di sicurezza ONU come nazioni vincitrici (non così Italia e Germania o gli Stati già nel patto di Varsavia) sono poco disposte a discutere e condividere l’orientamento delle proprie decisioni, salvo proporle per una mera ratifica. La Russia di Putin, invece, si pone, di fatto, come elemento fondamentale per la “soluzione” del problema.

E con essa, mentre la si costringe a vergognose e controproducenti sanzioni economiche a causa della situazione in Ucraina, si dovrà per forza colloquiare e accordarsi.

Ha una strategia, una politica e sfoggia una notevole capacità di comunicazione: regalare un cucciolo di cane alla Francia. Meglio che la “Statua della Libertà”.

Annunci

Analisi di una strage

isis1

di Alice CARELLA

Sono passati alcuni giorni dall’attentato di Parigi ed io ancora mi sento confusa e frastornata. Mi sono limitata a condividere post su Facebook e fare copia e incolla di pensieri altrui ma non sono riuscita a scrivere un mio pensiero.

Forse perché non ne ho. O forse perché ne ho troppi. Non sono riuscita nemmeno a commentare quei post superficiali e xenofobi condivisi e scritti da alcuni miei contatti.

Questa mattina mi sono resa conto che era arrivato il momento di riordinare le mie idee e cercare di fare un’analisi personale ma il più possibile obiettiva dei fatti avvenuti. Sono una psicologa. Come tale non posso permettermi di dare un parere che non faccia riferimento a fatti precisi e condivisi. Mi devo attenere alla verità. Ma qual è la verità? Non ne esiste una sola.

I francesi hanno la loro ma anche i terroristi ne hanno una che, seppur difficile da capire, è meritevole di essere considerata.

Continua a leggere

Voglia di pace

risiko

di Vincenzo G. PALIOTTI

Sono tre giorni che sono bloccato, scioccato, cercando di scrivere qualcosa per esprimere il mio stato d’animo su quanto è accaduto a Parigi.

E’ difficile perché sono tante le emozioni che mi ha provocato quella strage, ma penso anche a quanto è accaduto a Beirut, e sta avvenendo in Siria, e contro il popolo curdo, a quello che ogni giorno avviene in Palestina e mi rendo conto come sia triste fare discriminazione anche in queste circostanze, considerando una più importante dell’altra solo perché una provocata nel cuore della cosiddetta civiltà ed un’altra in posti dove, secondo alcuni, è da considerarsi quasi “normale”, tanto normale da non costituire più nemmeno notizia.

Ma non siamo noi quelli della “Livella” di Totò che spesso tiriamo fuori per ricordare a tutti che la morte rende uguali? Che è l’unico atto di giustizia sul quale possiamo contare perché questa “tratta” alla stessa stregua il potente, il ricco, il prepotente e il povero, il negletto, il diverso? Dove è finito quindi tutto questo?

Io non l’ho trovato in questi due giorni se non da parte di chi ha veramente capito che la tragedia non era solo quella di Parigi, che non appartiene solo ai francesi o a noi perché hanno “violato” la nostra civiltà: quando si tratta di violenza non c’è posto al mondo dove questa può essere giustificata o addirittura considerata “quasi normale”.

Continua a leggere

Cuore di pietra

strage

di Immacolata LEONE

Negli ultimi anni non esco quasi più la sera, per svariati motivi di natura economica, per comodità, per stanchezza e altro.

A volte mi sforzo per fare contento mio figlio, amore di mamma.

Ho pensato a quella mamma che era nel locale con i suoi figli , magari per passare un venerdì sera in serenità con la famiglia, un momento di pace, un attimo di svago, dopo una settimana di lavoro o altro.

Posso solo immaginare il terrore puro, agghiacciante, infinito, come un brivido che parte da dietro il collo fino a scendere alla spina dorsale.

Il primo pensiero sono i tuoi figli, li guardi uno ad uno, pensi a come farli stare in silenzio per non far arrabbiare questi esseri immondi , che sono qui per trucidare, ammazzare, seviziare, senti il tuo sudore freddo, la paura può essere glaciale, non può essere vero proprio qui, ora, con i tuoi bambini, speri che non piangano, li prendi per le mani e sussurri loro con occhi imploranti, di stare immobili e in silenzio.

Questi uomini con lo sguardo buio come un pozzo magari sono qui solo per spaventare e magari una volta spaventati tutti e fatti mettere tutti giù per terra se ne andranno, se ne devono andare.

Invece no, cominciano a prendere uno ad uno le persone e sparano loro a sangue freddo.

L’orrore genera altro orrore, è solo un incubo, abbracci i tuoi bambini, loro, i mostri vestiti da umani, ti vedono e ti prendono , urli in silenzio ai tuoi bimbi di non piangere, sì fate quello che volete basta che lasciate vivi i miei figli.

Un colpo due o tre, questo non lo so, ma la mamma è a terra davanti ai suoi bambini.
Non contenti i mostri prendono i bambini e li ammazzano.
Tutto è buio.
E’ finito tutto.

Denudiamo chi ci opprime

manager

di Nello BALZANO

I lavoratori di AIR FRANCE, per la mia personale opinione, sono gli autori della prima vera battaglia contro il capitalismo, contro il liberismo che non rispetta più niente e pensa di sottomettere le persone sparando le cartucce dei loro freddi numeri.

Sì, questi lavoratori hanno fatto qualcosa, a mio giudizio se ben interpretato, di eccezionale. Non so se consapevolmente o no, ma io propendo per la prima ipotesi.

Hanno agito, pur se con la ragione accecata dalla rabbia di dover essere tra i 2900 da licenziare, secondo la compagnia aerea, ma non hanno usato la violenza fisica che facilmente poteva diventare l’arma che chiunque poteva aspettare di vedere.

Hanno compiuto un gesto altamente simbolico: hanno strappato di dosso la divisa di qualche soldato del piccolo, ma forte esercito finanziario comandato da pochi generali senza scrupolo, quelli vestiti in giacca, camicia e cravatta che con le loro armi del denaro, non uccidono il fisico, ma annichiliscono le menti.

Li hanno denudati e lasciati scappare, senza infierire, ma ferendoli nella dignità.

Io voglio dare questa lettura, perché può essere l’inizio di una nuova storia, che forte delle violenti lezioni del passato, fa comprendere come non si deve uccidere, ma umiliare.

Sbaglia il presidente Hollande a giudicare questo episodio, come un appannamento della democrazia francese, non è così. La democrazia francese l’ha offesa lui lasciando sola la Grecia contro il terrorismo dell’Eurogruppo e della BCE. L’ha offesa Schultz volendo mistificare il valore del referendum greco. Invece, per me, siamo di fronte a una grande lezione di civiltà, perché alla Potenza del denaro, si risponde con l’intelligenza della forza della ragione. Che denuda chi ci opprime.

VIVA LA FRANCIA, VIVA I LAVORATORI FRANCESI, VIVA I LAVORATORI DI TUTTA EUROPA

La Primavera di Atene – 2. La medicina tossica

bank-of-greece

di Yanis VAROUFAKIS

[La seconda parte della traduzione del discorso di Yanis Varoufakis alla Festa della Rosa di Frangy-en-Bresse. La prima parte è stata pubblicata qui]

La medicina tossica

Molti di voi si chiederanno, a ragione: ma perché i creditori impongono condizioni alla Grecia che riducono la capacità della Grecia di ripagare il proprio debito agli stessi creditori? Perché i creditori chiedono al governo greco di fare cose che impediscono che le vere riforme vengano attuate? Le riforme che renderebbero la Grecia in una posizione migliore in Europa? Non potrebbe essere che la Troika stia semplicemente cercando di fare in modo che i greci prendano una medicina amara ma necessaria? E che i greci non vogliano prendere la medicina? Non vogliamo fare il nostro dovere, come direbbe la signora Merkel?

Queste sono questioni cruciali. Esse sono di fondamentale importanza per voi, per il popolo francese. Perché? Perché se noi greci siamo i responsabili dei nostri stessi problemi, e se è vero che siamo viziati, pigri, che rifiutano di fare il nostro dovere e prendere la loro amara medicina, allora non avete nulla da temere. Vi consiglio di non perdere altro tempo ad ascoltare persone come me.

Ma, se non è così, se la medicina che ci viene chiesto di prendere più e più volte è velenosa, se abbiamo fatto il nostro compito ma l’insegnante non ha nemmeno voglia di leggerlo, poi quello che succede in posti come la Grecia non ha nulla a che fare con la Grecia. Si tratta allora della politica d’Europa, in particolare riguardo la Francia.

Quindi, permettetemi di essere chiaro su questo: la medicina non è solo amara. È tossica. Un medico che consigliasse una simile medicina mortale ad un paziente sarebbe stato arrestato e radiato dall’associazione medica. Ma nell’Eurogruppo, il fatto che la medicina sta uccidendo il paziente è visto come la prova che la stessa medicina è necessaria. Che la dose deve essere aumentata!

Per cinque anni il programma di austerità della troika ha creato la più lunga e profonda recessione nella storia. Abbiamo perso un terzo del nostro reddito collettivo. La disoccupazione è passata dal 10% al 30% in un paese dove solo il 9% dei disoccupati ha ricevuto l’indennità di disoccupazione. La povertà ha inghiottito 2 dei nostri 10 milioni di popolazione. E non è mai andato in un altro modo.

Nel 2010 lo Stato greco è fallito. Il nostro stato non poteva pagare i suoi debiti verso i francesi e le banche tedesche. Allora, che cosa ha deciso l’Europa di fare? Ha deciso di dare allo Stato greco in bancarotta il più grande prestito della storia, alle condizioni di austerità che hanno ridotto il reddito tra il vecchio e il nuovo piano, in modo enorme, così che i prestiti potranno essere ripagati. Dopo dieci anni si può dire che il fallimento non si può eliminare attraverso ulteriori prestiti, basati sulla condizione che il tuo reddito diminuisca.

L’austerità fa in modo che il reddito diminuisca mentre i debiti crescono. Più debito, sotto forma di nuovi prestiti di salvataggio, a condizione di ancora più austerità che fa diminuire il reddito, porta con precisione matematica ad una catastrofe.

Tutti sapevano questo. Allora, perché l’Europa lo ha fatto? Perché l’obiettivo non era certo quello del salvataggio della Grecia, o dell’Irlanda, o del Portogallo, o della Spagna! L’obiettivo restava quello del salvataggio di Deutsche Bank, BNP Paribas, Finanz Bank, Societé Generale, le banche tedesche e francesi con i soldi dei contribuenti e mettere tutto il peso sui più deboli tra gli europei, causando una crisi umanitaria in Grecia e una lenta crisi che brucia in Francia.

Continua a leggere

Varoufakis: dalla Francia lancio una rete progressista europea contro l’austerity e per la democrazia

  1. montebourgvaroufakis

[Prima di partecipare alla Festa della Rosa di Frangy-en-Bresse, Yanis Varoufakis concede una breve intervista al Journal du Dimanche – JDD.  Ecco la traduzione dell’intervista di Cécile Amar]

Come interpreta le dimissioni di Alexis Tsipras?

Il 12 luglio, contro il mio parere e quello di molti altri membri del governo e del partito, Alexis Tsipras ha deciso di accettare le misure di austerità proposte dallEurogruppo nel vertice europeo. Che vanno in contrasto con tutta la filosofia di Syriza. La sua maggioranza si è ribellata. La sua conclusione è stata semplice: se vuole ripulire il partito, ha bisogno di nuove elezioni.

Lei sarà candidato?

No, non voglio essere un candidato a nome di Syriza. Syriza ora sta adottando la dottrina irrazionale alla cui mi sono opposto per cinque anni: estendere ulteriormente la crisi e sostenere che si è risolta, pur mantenendo un debito impagabile . Sono stato estromesso perché io stesso mi opponevo.

E’ proprio contro questa logica che avevo già rotto con Papandreou. Alexis Tsipras aveva scelto me perché gli si opponeva. Ora che ha accettato la logica che respingo, non posso essere candidato.

Al momento che questo piano è stato messo a punto, Hollande ha detto che la Grecia si sarebbe salvata. Aveva torto?

(Ride). Credo che Francois Hollande sia profondamente, sostanzialmente bloccato. Nicolas Sarkozy ha già detto nel 2010 che la Grecia è stata salvata. Nel 2012, la Grecia è stata salvata. E ora, siamo ancora salvi! Questa è una tecnica per nascondere la polvere sotto il tappeto facendo finta che non ci sia più. L’unica cosa fatta, il 12 luglio, è stato infliggere un grande schiaffo alla democrazia europea. La storia giudicherà severamente quello che è successo quel giorno e soprattutto i nostri leader che continuano questa farsa.

Perché dice che l’obiettivo dei creditori e di Wolfgang Schäuble, il ministro delle Finanze tedesco, è in realtà la Francia?

La logica di Schäuble è semplice: la disciplina è imposta alle nazioni in deficit. La Grecia non è poi così importante. Il motivo per cui l’Eurogruppo, la troika, il Fondo monetario internazionale hanno speso così tanto tempo per imporre la propria volontà su una piccola nazione come la nostra, è che siamo un laboratorio di austerità. Ciò è stato sperimentato in Grecia, ma l’obiettivo è ovviamente quello di infliggerlo alla Francia, per il suo modello sociale, il suo diritto del lavoro.

“Nei vertici europei, la Francia non ha alcuna autorità”

Mentre era ministro, come si comportava la Francia?

All’interno dei vertici europei, in seno all’Eurogruppo, ho sentito che il governo francese non aveva alcuna autorità per difendere o addirittura presentare semplicemente il proprio punto di vista e perchè venga tenuto in conto nel processo di negoziazione. Sono cresciuto con l’Illuminismo, l’idea che anche la Francia è stato fondamentale nella creazione dell’Unione europea. Nell’avere tutto questo in mente, il silenzio dei francesi, sia di Michel Sapin all’interno dell’Eurogruppo, il fatto che una posizione diversa francese non è mai stata assunta ha provocato in me una grande tristezza.

Vuole lanciare un movimento europeo contro l’austerity?

A Frangy, lancerò una rete progressista europea. Nei giorni terribili della dittatura greca, i nostri genitori e nonni erano in Germania, Austria, Canada, Australia, per la solidarietà espressa verso la sofferenza greca. Non vengo in Francia per chiedere solidarietà alla Grecia. Ma i problemi che ha di fronte la Francia sono uguali come altrove. I francesi e i cittadini di altri paesi sono preoccupati per quello che ho da dire, perché sono preoccupati per lo stato della democrazia, l’economia, le prospettive future.

varoufakis-montebourg

Se lei fosse il primo ministro in Grecia o Arnaud Montebourg fosse presidente della Repubblica in Francia, sarebbe davvero diverso?

Non è una questione di persone. Sono sicuro che ci sono persone valide nel governo francese e altrove. I cittadini devono riappropriarsi del cammino europeo. Se i tedeschi, i francesi, gli italiani, gli olandesi, gli spagnoli diventassero consapevoli della totale mancanza di responsabilità e opacità dei loro capi nei confronti dell’elettorato, si sarebbero già svegliati e chiederebbero che vada in modo diverso. Dobbiamo rilanciare il dialogo e ripristinare ciò che è stato perso completamente: la democrazia.

(immagine dal web)

Il debito dei colonizzati

lagardeschauble

di Giuseppe SCHERPIANI

Il debito. Parola che oggi evoca scenari tetri, di rovina e di squallore. La dissipazione delle risorse nazionali da parte di una borghesia folleggiante e spendacciona. L’incosciente “vivere al di sopra delle proprie risorse” di una certa gente comune greca, italiota, spagnola, portoghese e magari un tantinello anche francaise. Latina, in definitiva.Così, giusto per dare alle argomentazioni dei convinti saccenti un tocco di cipria.

Da contrapporre ai rigidi e seriosi calvinisti anglo-americo-germanici, gente che, osservante dell’evangelio, si comporta sempre in modo che il sì sia sempre sì e il no, no.

Invece il debito, oggi, è la prosecuzione della politica delle cannoniere con altri mezzi.

Non c’è bisogno di creare il casus belli, infatti, come fu nel 1964 fra Nord VietNam e USA nel Golfo del Tonkino. Ci si può servire di altri strumenti, quali il Fondo Monetario Internazionale, La Banca Mondiale e della loro dependance europea BCE. Che del resto non a caso furono il frutto (BCE esclusa) degli accordi di Bretton Woods del 1944. Guerra mondiale seconda ancora in corso. Accadde dunque che, per rendere molti paesi emergenti assoggettati alla maggior potenza mondiale, fu messo a punto un meccanismo che si muoveva sulle seguenti direttrici:
1. concessione di un prestito da parte di Banca Mondiale o FMI ad una nazione qualsiasi a condizioni apparentemente vantaggiose;
2. stipula di contratti bilaterali fra i paesi poveri e (più spesso di altri paesi ricchi) gli USA;
3. obbligazione per il paese povero contraente, di fornitura di una materia prima, di cui esso era produttore, al paese ricco sua controparte, il quale, dal canto suo, si impegnava a fornire al suo partner prodotti finiti;
4. a questo punto le Borse manovravano in modo di far correre al ribasso i prezzi delle materie prime e al rialzo quelli dei prodotti lavorati:
5. dopo un periodo medio-breve la situazione diventava insostenibile per i poveri che venivano poi costretti ad “onorare “(si dice cosi?) i contratti firmati. Era, ed è, semplicemente COLONIALISMO DI RITORNO.

Continua a leggere

Piketty e Renzi su due strade che non s’incontreranno mai

piketty

di Luca SOLDI

C’è un economista francese che ormai da tempo risulta indiscutibilmente quello di riferimento in una Sinistra che pare aver perso le certezze delle sue radici.

Questo studioso è Thomas Piketty.
Il suo lavoro fondamentale è “Il Capitale nel XXI° secolo”, un autentico best seller nel genere che è diventato il volume dell’anno negli Stati Uniti, dopo che in patria, nella sua Francia, aveva generato, inizialmente, minori entusiasmi.

Probabilmente anche per certe tiepidezze nei sui confronti da parte del Presidente Hollande. Tiepidezze che erano sfociate in aperte contrarietà che lo avevano portato a rinunciare alla prestigiosa carica di Cavaliere della Legione d’Onore.

Continua a leggere

Profughi: Europa divisa, governi confusi

di Luca SOLDI

Sono continue le divisioni dei governi europei sulle politiche di ripartizioni delle quote di migranti fra i singoli Stati.
Distinguo che gelano le speranze di pochi giorni addietro.
L’ultimo “niet” a riguardo arriva dalla Francia.
Il premier Manuel Valls ha precisato che la decisione è stata presa “con il presidente Hollande per sgomberare il campo da ogni ambiguità”. Smentendo fra l’altro il ministro dell’Interno Cazeneuve che giusto una settimana fa, aveva dato il consenso definendo normale “la ripartizione dei migranti”.

Quello della Francia e’ un parere negativo che pesa ulteriormente dopo che vi erano state le prese di posizioni da parte della Polonia e dell’Ungheria. Ed anche dopo i distinguo della Spagna.
Un duro colpo a quella che sembrava una svolta storica per l’Ue.
A quella che sembrava una stracciante vittoria architettata e messa in piedi dalla nostra diplomazia e che invece, oggi, rischia di avvitarsi su se stessa alla ricerca del colpevole che ha imposto di perseguire questa strada.
Nel segno di un Europa che fa la figura – su un tema fondamentale come i diritti delle popolazioni che fuggono da una guerra fomentata dagli stessi stati europei – dell’elefante nel negozio di cristalli.

Se ne accorge anche il nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che nel corso del suo viaggio in terra d’Africa, non perde l’occasione per fare, del tema dell’immigrazione, il punto centrale del suo discorso in una Tunisi, blindata proprio a due mesi dal tragico attentato al Museo del Bardo:
“Bruxelles deve prendere atto del dramma dei profughi e darsi una nuova missione storica che si ponga l’obiettivo di favorire una maggiore integrazione tra sponda Nord e Sud del Mediterraneo, creando le condizioni per uno sviluppo condiviso”.

Continua a leggere