Unioni civili = Italia civile

aasveg

 

di Francesco MAZZUCOTELLI

E ora segue il pippone del giorno.
Credo, come ho sempre detto, che sia necessaria una riflessione approfondita relativamente al rischio che il materiale genetico umano (spermatozoi, ovuli, ovociti fecondati) diventi merce che può essere venduta e acquistata secondo logiche di mercato e di profitto.

Non è una questione di precetti religiosi relativi ai comportamenti sessuali, ma di ponderare il rischio che porzioni di acido desossiribonucleico diventino proprietà privata per fini di lucro.
Le pratiche “disinvolte” di alcuni medici che hanno speculato per anni sul desiderio di coppie eterosessuali sposate di avere dei figli tramite la fecondazione assistita dovrebbero suggerirci qualche cautela.

Non conosco sufficientemente l’argomento, ma ho la sensazione che ci sia bisogno di una discussione in cui il principio di precauzione temperi il nostro desiderio comprensibile e legittimo di genitorialità.
La genitorialità può peraltro prendere forme che non sono necessariamente quelle della maternità surrogata, ma anche quelle dell’adozione e dell’affido.

Detto questo, trovo scandaloso e sconfortante che un tema così delicato e vitale sia strumentalizzato selettivamente e manipolato solo per impedire che le persone LGBT e le coppie dello stesso genere possano accedere a forme di riconoscimento giuridico e simbolico delle proprie relazioni affettive. Continua a leggere

Annunci

Pensiamo alla famiglia. Ma davvero.

Naturalmente infertile

Naturalmente infertile

dalla Redazione

In questi ultimi trenta anni abbiamo vissuto in una società occidentale governata da un pensiero egemone di destra. L’individuo, il desiderio narcisistico senza limiti, l’eliminazione delle tasse e della burocrazia, la vittoria a tutti i costi, il correre, correre, correre.
L’eliminazione del tempo libero. L’eliminazione della sfera comunitaria, affettiva, famigliare. L’eliminazione del tempo lento e denso dell’educazione, del dialogo, della comprensione.
La destra, si dice, è “Dio, Patria e Famiglia”. Questi tre totem sono stati infangati e vilipesi da legislazioni oscurantiste che hanno privato le famiglie dei contributi statali, che le hanno indebitate, che hanno impedito una genitorialità responsabile e consapevole. E l’hanno chiamata “bioetica”.
La Scienza è amica della famiglia, dell’umanità. La Scienza permette di avere una famiglia a chi è infertile.
E tutta la legislazione della destra su questioni biologiche cerca soltanto di bloccarne le possibilità di eliminare il dolore, e di dare speranza.
Per questo noi vogliamo parlare di un libro. Un libro bello e delicato. “Naturalmente infertile“, di Stefania Tosca e Lucia Musto. Perchè il diritto di scelta è la natura dell’essere umano.
Continua a leggere