Vi ricordate di Berlusconi e Prodi? Dovreste

prodiberlusconi

di Luca SOLDI

Silvio Berlusconi, in questa ultima settimana, sembra aver recuperato le prime pagine dei giornali.
L’altro giorno, per l’incontro propedeutico per la rinascita della nuova compagine di destra, con Matteo Salvini.
Ieri, per un’occasione decisamente meno “nobile”. Decisamente meno costruttiva.
E sicuramente più preoccupante visti gli esiti che potrebbero portare ad una definitiva uscita di scena del non più Cavaliere.

Si parla, o meglio si torna a parlare, della vicenda della compravendita di senatori al tempo del Governo Prodi.
Sarebbe emerso, secondo l’accusa che tra il 2006 e il 2008, attraverso Valter Lavitola, che l’ex senatore Sergio De Gregorio, ex Idv, sarebbe stato “convinto” a passare nel centro-destra minando seriamente il governo Prodi.
Mettendo in atto quella ch’è stata poi comunemente conosciuta come l’ “Operazione libertà”.

Una vera operazione di destabilizzazione attraverso un “colossale investimento economico diretto ad ottenere l’unico risultato che interessava all’uomo Berlusconi, ossessionato solo dalla volontà di mandare a casa Prodi e prenderne il posto“.

Continua a leggere

Annunci

Berlusconi. Una sentenza che non cambia nulla.

ruby

di Vincenzo G. PALIOTTI
[Un compagno, seguace di Civati, che vuole lottare per ridare dignità alla sinistra e possibilmente a quello che considero ancora il mio partito]

Quando una sentenza può diventare una “trappola” dentro alla quale bisogna evitare di cadere. Passato il momento “caldo” è importante fermarsi e ragionarci sopra, per trarne le considerazioni corrette.

Una sentenza va sempre rispettata, anche se non risponde alle aspettative.

Negativa o positiva che sia è il frutto di lavoro di anni, di indagini, anni di dibattimenti con tutto quanto ne consegue e non può essere giudicata superficialmente. Anche quella di ieri che assolve Berlusconi è da rispettare, specialmente se si ha sempre avuto fiducia nel lavoro dei magistrati. Il punto però non è questo.

Continua a leggere

Condominio Italia

assemblea-condominio1

di Sil Bi

Immaginate un condominio che, nella sua assemblea annuale, stabilisse quanto segue:
– L’Assemblea può deliberare anche se non vi sono rappresentati i proprietari del 50%+1 dei millesimi;
– Le decisioni si intendono assunte se approvate dal 37.5% dei presenti;
– Il 37.5% dei presenti può scegliere il giudice eventualmente chiamato a dirimere le controversie che dovessero nascere a causa delle decisioni assunte.

Immaginate che queste novità venissero proposte dal nuovo inquilino del palazzo, giovane ed intraprendente, che ha ricevuto le deleghe da un buon numero di condòmini – alcuni anziani, altri in procinto di trasferirsi in un’altra città – e che il proprietario dell’appartamento del piano terra, sempre critico e brontolone, se ne fosse rimasto a casa.
Continua a leggere

Cattivi maestri

Manifestazione Tribunale di Milano

 

di Andrea NOBILE

Succede una volta ancora, succede per un fatto scabroso, indecente, imperdonabile.
Succede di veder ridicolizzata una sentenza definitiva, che dovrebbe rendere giustizia a chi ha subito un grave torto.

Vedere, per l’ennesima volta, il volto della madre di un ragazzo ammazzato dalle legnate degli uomini in divisa, mi provoca un dolore vero.
Vedere il viso di quella madre, in ragione dell’applauso ai carnefici di suo figlio, mi provoca sofferenza.

Se alcuni poliziotti abusano del loro potere e picchiano fino ad ammazzare un giovane ragazzo è raccapricciante.
Se i loro colleghi, riuniti in corporazione, li applaudono a scena aperta, è disgustoso. Chi ci dovrebbe difendere ci ammazza di botte e applaude anche a questo orribile abuso.
Se la mano violenta della polizia è, purtroppo, qualcosa già avvenuto in passato, la standing ovation è una pericolosa novità.
Una pericolosa e fascista novità.

Continua a leggere