Sinistra dei bisogni e sinistra di governo. Col PD

selpd

Coordinamento politico MovES

[Documento politico 002-b/2015/A]

Vogliamo spendere qualche parola di più circa il nostro dissenso sulla linea politica emersa dall’ultimo documento approvato dall’Assemblea nazionale di Sel e relativamente a cosa, per noi, significa rappresentare una vera alternativa di sinistra e una sinistra popolare, capace di farsi carico dei bisogni delle persone che maggiormente pagano il prezzo della crisi, quelle che non trovano rappresentanza politica e che sono ormai chiuse nell’astensionismo, fenomeno che dovrebbe ricordare a tutti quanto la politica di una certa sinistra di sistema ha dimenticato in favore della propria autoreferenzialità.

In sintesi.

La differenza sulle politiche europee non era una novità e sinceramente non ci aspettavamo da Nichi Vendola una rottura con il conformismo politico di una parte della sinistra che non considera la moneta unica e il sistema del debito cause principali dell’austerity e dei problemi sociali derivanti.

Nonostante ciò, e pur sapendo che nel lungo periodo una divergenza su questo punto cruciale non sarebbe sostenibile, eravamo aperti a valutare la possibilità di convergenze con Sel sulle politiche nei territori.

Quella eventuale convergenza per una unione circoscritta e a tempo determinato (una sorta di “contratto atipico”) poteva fondarsi solo su una minima intesa che riguardava due punti base: linea politica e contenuti.

Considerando che il MovES prende le distanze dalla sinistra di sistema, quella che ha governato e continua a governare, e che Sel rientra oggi in questa nostra definizione, almeno per quanto riguarda le amministrazioni locali, una eventuale apertura sarebbe dovuta comunque passare non dal coordinamento politico di Essere Sinistra ma da tutto il gruppo che si riconosce e ha sottoscritto il Manifesto del MovES.

Perché questo è il nostro METODO, autenticamente condiviso e partecipato, per cui ogni documento politico non è il frutto esclusivo di questo o quel compagno che può apparire come leader e a cui dare o non dare consenso senza discussione.

E siamo sicuri, dopo aver conosciuto personalmente e dialogato con alcuni compagni di Sel che abbiamo incontrato a Livorno, in occasione dell’evento “Sì, Livorno a sinistra” e per i quali tutti noi proviamo stima e rispetto, che se insieme al documento di Vendola ci fosse stata anche solo un’altra mozione da discutere non nell’Assemblea nazionale ma tra tutti gli iscritti, le cose sarebbero andate diversamente.

L’UNICO VERO SCOGLIO che ci impedisce anche solo di aprire una discussione per valutare un percorso comune con Sel, per quanto circoscritto alle politiche sul territorio, è la linea politica delle alleanze possibili che non esclude la presenza del PD in quelle realtà locali dove questa può essere considerata accettabile.

Per noi di Essere Sinistra non è mai accettabile perché alla fine il PD cadrebbe sempre in piedi e questo, per noi che lo avversiamo a 360 gradi, non è possibile, sostenendo politiche di trasformazione e di cambiamento di più largo respiro. Se Sel dovesse cambiare idea ed escludere il PD da percorsi unitari circa le politiche territoriali, noi procederemmo nel seguente modo e diremmo:

“Cari compagne e compagni del MovES, in deroga a quanto scritto nel nostro Manifesto sulle politiche europee e sulle formazioni di sinistra che consideriamo di sistema, consapevoli che non potremmo mai rinunciare alle nostre posizioni su certi punti, si apre comunque la possibilità, per quanto riguarda le politiche sui territori, di condividere percorsi insieme a Sel e ad altri soggetti politici di sinistra per mirare al governo dei territori nell’interesse di tutti i cittadini. Vi invitiamo a discuterne e a prendere una decisione attraverso il voto.”

Non possiamo, quindi, dire altro che ci sarebbe piaciuto che fosse andata così.

Purtroppo il nodo PD – finché permane e finchè evidenzia come le scelte della dirigenza di SEL non tengono conto dei sentimenti e dei bisogni della società e dei suoi iscritti e simpatizzanti, in nome della propria autoreferenzialità – non può essere superato.

Manifesto del Movimento Essere Sinistra – Seconda parte

senzapermesso

[La prima parte del Manifesto del Movimento Essere Sinistra è stata pubblicata qui]

[documento 001-b/2015/P]

ESSERE SINISTRA É UN MOVIMENTO ANTIFASCISTA E LIBERTARIO

Essere Sinistra si riconosce nei valori della Resistenza Partigiana e della lotta antifascista.

Ci consideriamo naturali eredi e continuatori di quello spirito autenticamente democratico e di quella lotta che oggi intendiamo riprendere per portare a compimento, poiché tale lotta non può considerarsi conclusa finché oltre il fascismo imposto con la repressione e la violenza delle armi, non sarà sconfitto anche il fascismo neoliberista che opprime i popoli con la violenza dei mercati globali esercitata tramite il ricatto finanziario legittimato dalle istituzioni democratiche ad esso asservite.

Allo stesso modo intendiamo portare a compimento gli intenti espressi nella Costituzione del 1948 cui ci ispiriamo per valorizzare il sacrificio e il sangue versato da chi ha lottato per la libertà e la giustizia nel nostro Paese.

La Costituzione della Repubblica Italiana è stata frutto di un inevitabile compromesso tra capitale e lavoro, compromesso che rifletteva i reali rapporti politici di forza in Italia alla fine del conflitto mondiale. Tali rapporti di forza, in parte legittimavano le pressioni delle nazioni allora vincitrici che ancora oggi esercitano una pesante egemonia e condizionamento sulla storia del nostro Paese.
La Costituzione, minacciata nel suo intimo da continue riforme regressive e liberiste, vaga oggi come uno spirito in cerca di incarnazione e al quale intendiamo dare corpo con modifiche e vincoli che la rendano attuativa soprattutto nel dettato in cui si richiama il diritto al lavoro e alle garanzie sociali.

Essere Sinistra è un Movimento Libertario e in quanto tale respinge e combatte con forza ogni sorta di fascismo politico, economico e culturale e ogni forma palese od occulta di autoritarismo e di violenza statuale ponendo al centro il valore assoluto dell’essere umano e il diritto alla sua libera determinazione contro ogni forma di violenza e limitazione derivanti da pregiudizi razziali, discriminazioni etniche, pretese identitarie di carattere religioso o nazionalistico, omofobia, sessismo.

Continua a leggere