Quando Engels scriveva a Turati. Una lettura che farebbe bene a tutti. Anche ai sostenitori di Syriza

syriza-flags

Federico Engels – Lettera a Filippo Turati, 26 gennaio 1894.

Premessa redazionale

Il Partito socialista italiano (così dopo il Congresso di Reggio Emilia del 1893 fu denominato il precedente Partito socialista dei lavoratori italiani), pur non avendo avuta alcuna responsabilità diretta nei moti dei Fasci siciliani del 1894, per aver espresso la sua solidarietà ai lavoratori siciliani in lotta fu messo al bando e i suoi massimi rappresentanti denunciati alle autorità giudiziarie, mentre il governo Crispi provvedeva a sciogliere i circoli, le associazioni operaie e le Camere del Lavoro.

Lo scatenarsi della reazione e la nuova situazione politica venutasi a creare, posero ai socialisti il problema dell’opportunità dell’alleanza con i partiti democratici, che miravano al ristabilimento e al consolidamento delle libertà nell’ambito del sistema borghese.

Nel momento culminante della repressione dei fasci siciliani, il problema fu posto da Anna Kuliscioff e da Turati a Engels, il quale rispose con la famosa lettera, che qui pubblichiamo, a Turati del 26 gennaio 1894, consigliandolo di evitare una critica puramente negativa nei riguardi dei partiti “affini” e prospettando la possibilità di una alleanza dei socialisti con i radicali e i repubblicani per l’instaurazione di un regime democratico borghese possibilmente repubblicano.

Era però necessario, secondo Engels, che i socialisti entrassero nell’alleanza come “partito indipendente”, ben distinto dagli altri e pronto a riprendere l’opposizione all’indomani della vittoria della democrazia.

Tuttavia, nel gennaio del 1895, al III Congresso nazionale del Partito socialista italiano, tenutosi clandestinamente a Parma, si ribadì, con 34 voti favorevoli, 20 contrari e 2 astenuti, la tattica intransigente e settaria che fu approvata al Congresso di Reggio Emilia e criticata dallo stesso Engels.

Stranamente la lettera non è compresa nelle Opere Complete di Marx – Engels [avrebbe dovuto essere nel vol. 50, 1977] pubblicate da Editori Riuniti sulla scorta dell’edizione tedesca (Dietz) 1968). È però compresa nella raccolta Lenin, Sul movimento operaio italiano, Editori Riuniti, Le Idee 117, dicembre 1976. La lettera venne pubblicata sulla rivista di Turati, Critica sociale n. 3, 1° febbraio 1894.

______________________________________

Londra, 26 gennaio 1894

Caro Turati,

la situazione in Italia, a mio parere, è questa.

La borghesia, giunta al potere durante e dopo l’emancipazione nazionale, non seppe né volle completare la sua vittoria. Non ha distrutto i residui della feudalità né ha riorganizzato la produzione nazionale sul modello borghese moderno. Incapace di far partecipare il paese ai relativi e temporanei vantaggi del regime capitalista, essa gliene impose tutti i carichi, tutti gli inconvenienti. Non contenta di ciò, perdette per sempre, in ignobili speculazioni e truffe bancarie, quel che le restava di rispettabilità e di credito.

Il popolo lavoratore – contadini, artigiani, operai agricoli e industriali – si trova dunque schiacciato, da una parte, da antichi abusi, eredità non solo dei tempi feudali, ma perfino dell’antichità (mezzadria, latifondi del meridione ove il bestiame prende il posto dell’uomo); dall’altra parte, dalla più vorace fiscalità che mai sistema borghese abbia inventato.

È ben il caso di dire con Marx che “noi siamo afflitti, come tutto l’occidente continentale europeo, sia dallo sviluppo della produzione capitalista, sia ancora dalla mancanza di codesto sviluppo. Oltre i mali dell’epoca presente, pesano su di noi anche una lunga serie di mali ereditari, derivanti dalla vegetazione continua dei sopravvissuti modi di produzione del passato, con la conseguenza dei rapporti politici e sociali anacronistici che essi producono. Abbiamo a soffrire non solo dai vivi, ma anche dai morti. Le mort saisit le vif” [Il morto tiene stretto a sé il vivo].

Questa situazione spinge a una crisi. Dappertutto la massa produttrice è in fermento; qua e là si solleva. Dove ci condurrà questa crisi?

Evidentemente il partito socialista è troppo giovane e, per effetto della situazione economica, troppo debole per contare su una vittoria immediata del socialismo. Nel paese la popolazione agricola prevale, e di gran lunga, sulla urbana; poche, nella città, le industrie sviluppate, scarso quindi il proletariato tipico; la maggioranza è composta di artigiani, di piccoli bottegai, di spostati, massa fluttuante fra la piccola borghesia e il proletariato. È la piccola e media borghesia del medioevo in decadenza e disintegrazione, la più parte proletari futuri, non ancora proletari dell’oggi. È questa classe, sempre faccia a faccia con la rovina economica ed ora spinta alla disperazione, che sola potrà fornire e la massa dei combattenti e i capi di un movimento rivoluzionario. Su questa via la asseconderanno i contadini, ai quali il loro stesso sparpagliamento sul territorio e il loro analfabetismo vietano ogni iniziativa efficace, ma che saranno ad ogni modo ausiliari potenti e indispensabili.

Nel caso di un successo più o meno pacifico, si avrà un cambiamento di governo, con l’arrivo al potere dei repubblicani “convertiti” [alla monarchia, ndr], i Cavallotti e compagnia; nel caso di una rivoluzione si avrà la repubblica borghese.

Di fronte a queste eventualità, quale sarà il ruolo del partito socialista?

Continua a leggere

Annunci

Ci sarà sempre chi dice no

tsipras-varoufakis

di Claudia BALDINI

La storia dei popoli ce lo racconta. La povertà, la rabbia, la libertà negata, i conflitti di classe, prima o poi si oppongono al sistema che genera tali condizioni.
E si può anche vedere la differenza di contenuto di tale opposizione a parità di problematiche tra popoli che da secoli non conoscono altro e popoli che scivolano verso la povertà, la limitazione dei diritti, l’affievolirsi di speranze future.

Abbiamo quotidianamente sotto gli occhi l’estrema condizione di povertà e lotta per la sopravvivenza di popoli africani che sfocia in guerre tribali e/o religiosa, ma che non porta ad un cambiamento del governo di quei paesi in termini di onestà, di equità e sviluppo per quei cittadini.

Poi vediamo, ad esempio, il caso della Grecia. Sono chiare le differenze tra le due situazioni, ma vorrei richiamare l’attenzione su fattori che determinano reazioni diverse ai soprusi e alle ingiustizie.

Il primo fattore è l’Istruzione, la conoscenza della propria storia, l’impadronirsi del Sapere per scegliere.

E così può accadere che gli Tsipras e i Varoufakis abbiano il privilegio di essere nati nella culla della democrazia, ed anche della tirannia. Delle categorie del pensiero politico. E, quindi, sanno.
Comprendono che il modello che si è imposto in occidente ha radici antiche: sei libero di farti la tua ricchezza se sei più furbo ed istruito di altri.

Mi scuso davvero per queste orribili semplificazioni, ma mi sono imposta di essere quella che sono, la famosa ‘casalinga di Voghera’ che chissà perché è tanto vituperata.

Continua a leggere

A pugno chiuso

Funerali-Berlinguer

di Rita PANI [comunista]

Ieri, Rita Pani, sulla sua pagina Facebook ha ricordato così Enrico Berlinguer.
Le abbiamo chiesto se potevamo pubblicare il suo scritto e ce lo ha con gentilezza concesso.
Va letto. Per Essere Sinistra
.

Domani saranno trent’anni dalla morte di Enrico Berlinguer, e già da giorni si annusa la valanga di parole che ci sarà. Ricordi e commozione, rimpianti, frasi fatte e non mancherà qualche poesia. In fondo a questa piccola Italia non è rimasto che commemorare ciò che non abbiamo più, sia essa una strage o un lacrimevole addio.

Io mi ricordo che tenevo la mia prima bimba piccola, piccola tra le braccia e piangevo. Ora che ci penso, ero piccola anche io.

Poi negli anni molte volte è capitato di parlare di Berlinguer, con chi era assai più giovane di me, e più gli anni passavano, più diventava sconfortante. Oggi mi pare quasi impossibile: son talmente pochi a sapere chi sia stato, che lo sconforto si fa dolore.

“Era un presidente della Repubblica?”, “Era un Partigiano?” Fossero state solo queste, le domande alle quali rispondere, sarebbe stato anche “divertente”.

Fino a qualche anno fa, ancora si poteva narrare una piccola lezione di storia, ora non si potrebbe più tanto è stata devastata la memoria, avvelenata dalla propaganda di un ventennio barbarico che ha tramutato il falso in vero, che ha cancellato le valenze della storia, che ne ha minato i principi. O forse son solo io che ho perso smalto e coraggio, pazienza e tolleranza. Che mi avvilisco a leggere il prologo della rappresentazione che sarà domani, che già immagino la trama del dramma di questa sinistra che “deve interrogarsi”, che “ha fallito”, che “non può più vivere sulla rendita del comunismo” – dice Renzi, il nuovo portavoce dell’immortale alleanza criminale, che ha devastato e devasta il paese, che è stata capace di minare gli ultimi nostri fortini, le ultime nostre resistenze, impadronendosi delle briciole di un partito che non c’è più e che mai più ci sarà.

Era bello il tempo in cui, chiacchierando riuscivi a demolire il dubbio dell’anticomunista, preoccupato per quella “proprietà privata”, che nel caso di vittoria il P.C.I. t’avrebbe scippato. Era facile provare come fosse solo una castroneria. In vero ho dovuto a volte spiegare anche come non fosse vero che avremmo mangiato bambini o bruciato le Chiese, e che sebbene a volte mi sarebbe piaciuto, non avremmo mai fatto abbeverare i cavalli dei cosacchi nelle fontane di Piazza San Pietro, anche perché i cosacchi non c’erano più.

Ora non avrei voglia di tornare indietro nel tempo, quando vennero a noi gli uomini dell’est, il Papa Santo Subito e il probo Gorbaciov, che fecero più danni di Attila. Nemmeno di spiegare come, aperta la porta al declino gli approfittatori fecero il resto. Suonerebbe tutto inutile e ridondante.

Quel che so è che ancor oggi, in tanti durante l’ultima tornata elettorale, hanno sentito il bisogno di farsi un “selfie” postumo col Compagno Enrico Berlinguer, provocando in me l’ennesimo nauseabondo disgusto. Tanti, troppi, ma non noi che avremmo dovuto portarne il ricordo sempre, l’insegnamento perennemente. Anzi, chi avrebbe dovuto è sempre stato il primo a fuggirlo. Perché sbagliando si è rincorso il fantomatico “nuovo”, l’aberrante ricerca del modernismo accattivante, la ricerca forsennata di seguire i “dettami della moda” inventati da un manipolo di razziatori criminali, che giorno dopo giorno ci hanno spogliato di ogni nostra ricchezza morale. Fino ad arrivare ad oggi, che pure “ideologia” non esiste più.

Ti leggo spesso Compagno Enrico, a volte ti guardo. Certe volte ti sorrido, molte volte piango. Perché per fortuna, ancora, non sono riusciti a derubarmi di quel che sono sempre stata, e di quello che vorrò essere fino all’ultimo dei miei giorni. Comunista. Sono comunista, vivo comunista, e comunista morirò, portandomi dentro il grande orgoglio della fatica che ho fatto a conservarmi così. Ringraziando sempre per ciò che ho imparato anche da te, e che ogni volta ancora mi insegni.

A pugno chiuso,

Rita Pani (Comunista)

Il mio Primo Maggio

Mio padre

Al lavoro

di Ivana Fabris

Guardate bene questa foto e imprimetevela nella mente perchè racconta un pezzo di storia italiana, quella del lavoro, quella del sindacato, quella di un mondo che ha cambiato questo Paese rendendone più dignitosa la vita, quella che ha consentito a tutti noi di essere riconosciuti come persone e non solamente come forza lavoro, quella che l’ha fatto progredire non solo economicamente ma anche umanamente.

In questa immagine è ritratto mio padre (il primo a destra), qui fotografato coi suoi colleghi di lavoro in un cantiere della Metropolitana Milanese quando si apprestavano a realizzare il tratto della Linea 1, la linea rossa, all’altezza della fermata che poi fu ribattezzata “Amendola-Fiera”.
È particolarmente il giorno del 1º Maggio che il pensiero va a mio padre. Mio padre come lavoratore,  ma soprattutto come persona che si impegnò nel sindacato fino al suo ultimo giorno di lavoro, che partecipò attivamente alle lotte sindacali degli anni più difficili, quelli più caldi, quelli che cambiarono un intero Paese anche per le generazioni future, anche se cambiarlo costò un prezzo altissimo a molti di loro che, spesso, persero la loro stessa occupazione come ritorsione per il loro impegno sindacale e politico. Mio padre fu tra questi e non una sola volta.

La loro ‘coscienza di sfruttati’ li spinse a lottare credendo fermamente che una vita migliore potesse essere possibile.
Era una generazione di persone che avevano attraversato una guerra, che avevano vissuto la clandestinità per liberarsi dall’oppressione nazi-fascista ma tale era la loro volontà di costruire un mondo migliore, un mondo giusto, di luce e libertà, che malgrado quella sofferenza fosse appena dietro le loro spalle, non esitarono a lottare ancora, a dare tutto ciò che avevano e potevano e che significava, di nuovo, dare pezzi importanti di vita.

Oggi osserviamo questa immagine quasi come se fosse un pezzo di archeologia perchè questi ultimi trent’anni son serviti a smantellare un’altra volta il mondo del lavoro: prima contadini, poi operai, successivamente impiegati e ogni passaggio ha costruito una sua propria rimozione della memoria di ciò che siamo stati.
E oggi?
Oggi non sappiamo più chi siamo, non abbiamo più identità politica e quindi anche sindacale, fatto salvo alcune ‘sacche di Resistenza’ che ancora residuano ma a cui molti italiani guardano quasi con tenerezza.

Eppure proprio oggi ci sarebbe un estremo bisogno che quegli uomini qui ritratti, tornassero e ci raccontassero il loro tempo, che ci rendessero consapevoli di quanto il nostro percorso sia un cammino a ritroso verso le condizioni da cui erano partiti loro, che ci facessero ritrovare quella forza di alzare la testa e dire un NO fermo, inappellabile, al processo di annientamento che viene di continuo perpetrato nei confronti dell’occupazione e di tutti quei diritti conquistati col sangue e il sudore di chi li ha ottenuti. Che ci facessero ritrovare la coscienza di appartenere con orgoglio alla classe dei lavoratori.

Oggi, soprattutto oggi, 1º Maggio 2014, a mio padre e a tutte quelle donne e quegli uomini che ci han consentito di godere di una vita quanto più degna di definirsi tale, voglio dire grazie e affermare che non dimenticherò, che non dimenticheremo chi siamo e che la loro memoria non morirà mai.