Arnaud Mountebourg: “La politica di Hollande soffoca l’economia”

arnaud-montebourg

[Traduzione di Giuliana Fabris, che ringraziamo, dell’intervista all’ex Ministro dell’Economia francese Arnaud Montebourg, che si è dimesso dal suo incarico nell’Agosto 2014. Testo originale su Les Echos]

 

Dopo la sconfitta della sinistra l’ex ministro dell’Economia ha rotto il suo silenzio, per  “Les Echos”.

In sette mesi è rimasto in silenzio. A cosa attribuisce la sconfitta della sinistra nei dipartimenti?

Questa è la quarta sconfitta e pesantissima. E’ interessante osservare che la crescita territoriale del Fronte Nazionale è direttamente correlata all’aumento della disoccupazione. Nei territori in cui le difficoltà economiche sono aumentate, in cui la deindustrializzazione è aumentata, in cui il senso di abbandono è aumentato, il FN è cresciuto drammaticamente. Il sentimento di impotenza dei dirigenti politici economici fa la fortuna, oggi, del FN.

Durante la campagna, il primo ministro si è esposto in prima linea, imputa a lui il risultato elettorale ?

La sconfitta è principalmente il risultato delle grandi scelte che sono state fatte dal 2012 – dibattiti ai quali ho partecipato aspramente. Dal maggio 2012, vi erano 570.000 disoccupati in più di classe A e 880.000 più di classe A, B e C. Uno studio dell’OFCE [l’Osservatorio francese della congiuntura economia – n.d.t.] mostra che la perdita media di potere d’acquisto per famiglia 2011-2014 – dopo l’azione dei governi Fillon, Ayrault e Valls – ha raggiunto € 1.650.

Ciò è significativo. La conseguenza sono pensionati in lacrime nelle tesorerie perché non possono pagare le tasse, poi i “superfiscalizzati” della classe media sono altrettanto furiosi, questo raccontano gli eletti dei territori, fin dal 2012. E il programma di austerità fiscale iniziato da destra e che la sinistra prosegue che è al cuore del grande disaccordo nazionale. Si è molto lontani dalle promesse del 2012. Pertanto parte dell’elettorato di sinistra non sa più chi votare e un’altra parte dell’elettorato vota il FN.

Secondo lei, la politica di Hollande è peggiore di quella di Nicolas Sarkozy?

No, è la stessa, nei termini economici. Io non mi sono mai stancato di scrivere note al presidente – e ho pubblicato questi archivi – offrendo un’altra strategia economica e fiscale, che non ha portato né discussione né risposta. Da qui la mia uscita. Si può dire che sono stato costretto. Ma devo anche confessare che ero proprio intenzionato a lasciare. Non si può stare in una squadra con tali disaccordi. Oggi vedo che il governo non ha la maggioranza nel paese o del Parlamento per realizzare questa politica.

Cambiare rotta non sarebbe peggio? Nessun ex ministro dell’economia ha mai fatto questo tipo di discorsi.

Questa politica economica è quella del dogmatismo di Bruxelles e della destra tedesca – non sto dicendo della Germania – e si tratta di un dogmatismo che porta alla testardaggine. Credo che non sia vietato ammettere l’errore. Il mandato di cinque anni, che doveva essere quello di diminuire la disoccupazione si rivela l’emorragia della disoccupazione. Il mandato di cinque anni, che doveva essere quello di proteggere la classe media fa sì che sia la classe media a pagare per la crisi. Dopo il mio discorso di Frangy dove ho raccomandato tagli fiscali, si è ritenuto che ero un eretico da bruciare sul rogo del governo. Solo perché ho chiesto di ridare 15 miliardi al potere d’acquisto della classe media

Ha rivisto il presidente della Repubblica dopo il mese d’agosto?

No.

Gli ha riparlato?

No.

Molti indicatori stanno ripassando al verde. Non è un segno che questa politica sta cominciando a dare i suoi frutti?

Ma il recupero è in tutto il mondo negli ultimi due anni … Tranne che per le politiche di austerità europee che calpestano e impediscono di esistere. Ricordo che il Regno Unito ha avuto più di 2% di crescita rispetto allo scorso anno, perché non è soggetto alle politiche di austerità della zona euro.

E’ quanto meno divertente sentirla elogiare il modello britannico …

Mai vantata l’adesione ad un modello. Sono pratico e pragmatico. E si potrebbe notare con me che gli americani hanno già fatto ritorno alla piena occupazione, mentre la zona euro, sette anni dopo l’inizio della crisi, è ancora in deflazione e praticamente con crescita zero lo scorso anno. Il recupero sta iniziando da tempo. E il Presidente, inoltre, non finiva di ricordarcelo. Perché non ne abbiamo mai approfittato? Perché stiamo conducendo politiche assurde. Inoltre, se oggi gli indicatori stanno migliorando, è dovuto a motivi che esulano dal governo: perché i prezzi del petrolio sono crollati e perché la BCE, con due anni di ritardo, ha finalmente fatto il suo lavoro. Gliene rendo omaggio. Ma ora Mario Draghi ha detto nel suo discorso di Jackson Hole (l’estate scorsa, ndr), che è compito dei governi premere l’acceleratore e allentare la presa.

La Germania, che ha ristrutturato i suoi conti pubblici, è un paese con la più forte crescita nella zona euro …

La Germania, quando ha vissuto il deficit, avuto modo di non tagliare troppo in fretta. Fortunatamente Jacques Chirac era lì per aiutare Gerhard Schröder a violare il Trattato di Maastricht … Ricordiamoci di questo.


Le sue critiche sono un po’ caricatuali. Il Patto di responsabilità non va nella giusta direzione, raddrizzando la competitività?

Essere per una domanda più sostenuta non significa che siamo contro il miglioramento dell’offerta. Abbiamo bisogno di entrambe le gambe per far girare l’economia. Ho sempre sostenuto la politica di ripristinare la competitività delle imprese. Ma oggi, gli stessi imprenditori lamentano che non c’è domanda. Ho proposto anche la regola dei terzi: un terzo degli sforzi di bilancio servono a ridurre il debito, un terzo per sostenere l’offerta e un terzo su richiesta. Si tratta di una posizione equilibrata che presuppone che la Commissione rinunci al dogmatismo.

La Commissione ha modificato il suo messaggio. Jean-Claude Juncker non dice le stesse cose di Manuel Barroso…

Sono d’accordo con la volontà espressa dal Presidente della Commissione europea di una politica di massicci investimenti. Ma il suo messaggio non è credibile. Sono anni che i piani di investimento sono annunciati, e non hanno alcun effetto. La Commissione e la Banca europea per gli investimenti non sanno come utilizzare i soldi che hanno a disposizione. Il piano di Juncker, una volta di più pensa di riciclare il denaro non speso. Ancora una volta si tratterà di poca cosa.

La Francia ha ottenuto una nuova dilazione per portare il disavanzo al 3% del PIL, la Commissione ha non una lettura più soft del Patto di stabilità, come lei si augura?

La Commissione chiede sempre alla Francia 30 miliardi di euro di sforzi. Questa ossessione per la riduzione del disavanzo è pertanto una impuntatura dall’OCSE, del FMI e dei numeri di Premi Nobel per l’economia.
L’amministrazione Obama ritiene che la zona euro sia in testa, e si preoccupa di non trovare in crescita l’Europa in relazione agli Stati Uniti. Sì, ha motivo di preoccuparsi. Se non riusciamo a ridurre la disoccupazione in modo rapido e fortemente, l’Europa affonderà nella crisi politica. Ovunque coalizioni sono messe in discussione da nuove formazioni che plauderanno a direzioni alternative. Francois Hollande, nel 2012, avrebbe dovuto prendere l’iniziativa in questa corrente. Invece ha una politica che soffoca l’economia ed è responsabile per l’aumento della disoccupazione.

In pratica, lei esprime dubbi sul futuro dell’euro…

Vi è il rischio che l’euro e la costruzione europea soccombano per la frustrazione e la rabbia dei popoli europei. Siamo come in una centrifuga, e il pericolo di “Grexit” sta alimentando questo movimento. Proprio come il Ukip britannico. Il Partito Socialista francese è sulla strada dal PASOK greco.

Lei si sente parte della “Fronda”?

La fronda è in una monarchia dove il re è in discussione. C’è dietro la parola notevole disprezzo, lo stesso che conduce a non ascoltare la rabbia della gente. Mi spiace, ma in una democrazia, ci sono opinioni diverse, e abbiamo bisogno di sentirle, questo è tutto.

Avrebbe votato la legge Macron?

Non voglio parlare del lavoro del mio successore, e sottolineo che il mio disaccordo con il governo si è concentrato principalmente sulla politica macroeconomica. Il mio obiettivo quando ho iniziato questo disegno di legge è stato quello di attaccare le rendite e i privilegi. Se fossi rimasto al mio posto , io non avrei fatto marcia indietro davanti corporativismo regolamentato delle professioni, e io non avrei rinunciato ad alcuna tutela per i salariati, motivi che hanno fatto perdere al governo la sua maggioranza, su questo testo.

Comprende il fatto che il numero dei piani di innovazione industriale deve essere ridotto da 34 a dieci?

In materia di innovazione, ridurre le ambizioni mi sembra sempre un errore. Io preferisco un alveare industrioso e tendente alle siepi sporgenti piuttosto che il gesso dei giardini alla francese. L’obiettivo era proprio quello di aumentare le iniziative.

Condivide l’opinione di Manuel Valls che crede che gli imprenditori hanno “paura di assumere” e c’è la necessità di rimuovere questi ostacoli, facendo riferimento al diritto del lavoro?

La Francia ha creato quasi 2 milioni di posti di lavoro sotto Lionel Jospin. Capisco che gli imprenditori hanno paura di assumere quando non hanno prospettive economiche e non sanno dove stai andando con un governo che persiste in errore … Il vero freno oggi è la magrezza del portafoglio ordini, sono i clienti che pagano in 90 giorni. Penso sia possibile conciliare la tutela dei lavoratori con le esigenze di flessibilità delle aziende.

La politica economica non è buona, Lei si sente di esser stato tradito da François Hollande, ma – ci perdoni la brutalità della domanda – a che cosa lei è servito nel governo?

La mia carriera politica è stata quella di un innovatore. Ho scritto 15 anni fa il progetto della Sesta Repubblica, sono stato il primo ad attaccare i paradisi fiscali, ho immaginato le primarie aperte del Partito Socialiste nel 2009, ho importato il concetto di Europa De-globalizzazione e ho fatto il Made in Francia una causa nazionale in difesa dell’apparato produttivo. Non possiamo dire che non è niente … In governo, la cosa di cui sono più orgoglioso è di aver lanciato i 34 piani di innovazione industriale al punto che certi editorialisti della stampa economica lanciavano degli appelli per mantenere me a Bercy.

Lei è ora impegnato in Habitat e Talan, in che cosa consiste il suo apporto?

Al momento, siamo ai primi incontri con i leader.
Habitat è i una fase di rilancio, e il suo design ricrea e reinventa la sua distribuzione.
Io non sono un fornitore di business, non metto i miei contatti politici al loro servizio – non ne hanno bisogno – ma partecipo alla loro politica di innovazione. Talan rappresenta le piccole società di consulenza che nascono rapidamente e investono nella digitalizzazione dell’economia. Ho anche intenzione di creare una mia attività.

Che cosa le ha apportato Insead, ha capito meglio l’economia? Ha percepito quello che separa il mondo aziendale da quello della politica?

Ho incontrato una cinquantina di leader internazionali. E’ stato un seminario di formazione della leadership. La differenza tra i due mondi, è questa: il mondo politico non ha regole e nessuna penalità; nel business, ci sono molte regole e sanzioni. La politica era diventata per me l’accumulo di stress. La vita imprenditoriale è quella dell’avventura. In 17 anni di vita politica, ho compiuto, ho detto una serie di cose, ma ho l’impressione di aver come sprecato il mio tempo. Oggi, la classe politica è diventata una borghesia di Stato, altamente “funzionarizzata” e tagliata fuori dal popolo. E’ diventata pericolosa per il nostro paese.

Ha finito con la politica?

Non voglio più vivere di politica, cosa che non mi impedisce di rimanere un cittadino impegnato a esprimermi quando necessario. Come stanno le cose, mi trovo lontano da questo sistema dannoso e pericoloso. Non voglio partecipare a discussioni che non valgono la pena.

E il 2017, ne vale la pena?

Non siamo nel 2017 veramente.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Arnaud Mountebourg: “La politica di Hollande soffoca l’economia”

  1. Pingback: Varoufakis: noi abbiamo tradito la maggioranza del popolo greco | Essere Sinistra

  2. Pingback: Varoufakis: noi abbiamo tradito la maggioranza del popolo greco - nuovAtlantide.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...